Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/112

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


C


Per acquistarme fursi gloria un dì,
     Nina, sti versi no i go scriti, no:
     Ma de far restar solo tentà go
     4Eterne al mondo le to Drezze, e ti.

Quanto ò podesto ò certo fato mi,
     Se ghe sia po riussìo mi no 'l dirò;
     Gradissi almanco el tentativo, e po
     8No me resta a bramar più de cussì.

E d'averme anca massa guadagnà,
     E più che no me merito, otegnù,
     11Te zuro, Nina, che me parerà,

Se, lezendoli, mossa da pietà
     Ti arivi a dir 'na volta, e gnente più:
     14Ti ga molto, meschin, per mi penà!