Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XCIII


Quei Cavei folti e quele inanelà,
     E sora ogni uman creder Drezze bionde,
     Xe un lambarinto, e Amor senza pietà
     4Gh'à messo trabuchèi, buse profonde;

I so anèi xe le volte intortigià,
     Che intriga e sempre più la porta sconde;
     E 'l grespo xe le strade incatigià,
     8Che ve fa andar più a torzio e ve confonde.

Gramo chi gh'intra per la so malora
     O no vogiano, opur per tradimento!
     11Che no'l se spera de tornar più fuora.

No gh'è gemi d'Ariana che lo scorta;
     Fatalmente el mio cuor ghe xe intrà drento,
     14E per scampar no l'à catà più porta.