Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/104

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XCII


Quel zorno me sovien, che ti è vegnua
     In mascara co mi da povarela,
     Co quela ciera palida e svegnua,
     4Tuta sbrindoli el busto e la carpeta.

Quanto incontrava quela to grazieta!
     Quel bel fareto, quel andar da pua!
     E quei to bei Cavei, quanto, Nineta,
     8Parea bon sparsi su la carne nua!

E, oh quanti, che in quel zorno ò sentìo mì,
     In pe de dirte: El Cielo ve proveda,
     11O farte carità, dirte cussì:

Scondève, mascareta, i Cavei d'oro
     Se povara volè che se ve creda.
     14Andè cercando, e ne mostrè un tesoro?