Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/96

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ti me vol dar da intendere
     Che no ti ga altri amanti,
     Ma no so mato a crederte,
     28Come che gera avanti.
Ti ga, cussì no fussela!
     El caro to' Tonin,
     Che tute l'ore assiduo
     32Te sta sempre vicin.
Lo vedo ch'el te cocola,
     Che ti ghe porti afeto,
     Mi mai te vago a genio,
     36Tratà son per dispeto;
No posso star un atomo
     Con tì da solo a sola,
     Nè senza testimonio
     40Te posso dir parola:
Per elo no te stimola
     Inutili riguardi;
     Per mì è delito massimo
     44Se apena ti me vardi!
Ah Nina, no son semplice,
     Capisso chiaramente:
     Tonin xe el to' bel idolo,
     48Mi son un biltri, un gnente.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/96&oldid=69755"