Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/92

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Confesso, che amiro
     Quel vago visin,
     Ma più no sospiro
     28De starte vicin.
Cupido m'aveva
     Ferìo col so stral,
     Ma po' che me greva
     32De lu sarìa mal;
Vedendote tropo
     Tirana co mì,
     Savesto l'à dopo
     36Ferir anca tì;
E mentre ferìo
     L'à aponto el to cuor,
     Mai più no ò sentio
     40Nel sen del brusor.
Adesso son duro,
     Ressisto a ogni stral;
     Ò el peto ch'è un muro
     44D'un antemural.
I vezzi, mia Nina,
     L'ochiae, l'espression,
     Sparagna, carina;
     48Per ti più no son.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/92&oldid=69751"