Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/81

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A Nane, a Checo, a Momolo
     Ti fa tanto de ciera,
     E mì, più che te cocolo,
     28Più ti me trati altiera.
No gaverò quei meriti
     Che ga fursi sti siori,
     Ma in sen go un cuor che spasema
     32Per tì più assae de lori.
Ghe cedo anca in politica,
     Che l'adular detesto,
     Ma in fedeltà li supero,
     36Ch'è più de tuto el resto.
E se no son un zovene
     De quei de primo pelo,
     No so po' gnanca un vechio
     40Da farghene bordelo.
Vedi chi donca merita
     Da tì la preferenza,
     Se quei che xe più zoveni,
     44O quel che à più prudenza.
Ah, Nina mia, rissolvite,
     No farme più penar,
     E no ridurme al merito
     48D'averte da lassar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/81&oldid=69740"