Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/51

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XI. Il Millantatore


Un tal se dava vanto, e sì 'l disea;
     Che tute drio le done ghe corea,
Gh'è sta risposto: Oh questa po se sa
     Che drio 'l pezo le done sempre va.


XII. Peso della Moglie


Da borasca in pericol se trovava
     Una nave che gran pesi portava.
El Piloto à ordenà che ognun dovesse
     Trar via 'l peso più grando che l'avesse.
Uno de quei che avea là so Mugier
     De butarla in tel mar fava pensier.
Ghe xe stà domanda: Perchè cussì?
     — Perchè l'è 'l più gran peso che go mì.


XIII. Virtù senza denari


Certo che sì, che a ben pensarghe su
     La più bela richezza è la Vertù!
Epur apresso el mondo un omo povero;
     Per virtuoso ch'el sia, l'è sempre un rovero.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/51&oldid=69504"