Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RACCOMANDAZIONE DEL MUSEO DELL'AUTORE
AL P. MANDELLI


Degno Padre Prior, quando che vu
     No m'agiutè, son mezo desperà.
     El mio Museo da l'ano scorso in qua
     4De pochissimo gnente el xe cressù.

E le Medagie costa qua da nu,
     E mì spender no posso, son spiantà;
     Go bensì el cuor e go la volontà,
     8Ma me manca de quel che importa più.

Però con discrezion, come convien,
     Ve ne domando quatro civilmente
     11De quele che da vu dopie se tien.

Mi adesso ò trato el sasso destramente;
     Se 'l colpo me va fato, ben con ben,
     14E se no, reputemo no sia gnente;
                    Ma so infalibilmente
     Che o poche o trope men vorè donar,
     17Che 'l solito è de vu, no farve star.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/45&oldid=69712"