Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA RITROSIA


Voleu saver perchè, Cate careta,
     Tanto me de' in tel genio, e me piasè?
     Oh ve lo dirò mi, se nol savè;
     4Sol perchè savè far la ritroseta.

Quel mostrarve modesta e sdegnoseta,
     Quel sprezzar quel che forse più bramè,
     Quel saver dir: Sfazzà, no me tochè,
     8Cosse tute le xe che assae me aleta.

Se una Puta venzar vol qualche cosa
     Sora un bon Zovenoto inamorà,
     11No ghe xe megio che far la ritrosa;

Ma quando po che a sguazzo la se trà,
     Nè sa, nè la vol far la vergognosa,
     14Zo dei calcagni al moroso la va.
                    Questa xe verità:
La vostra mercanzìa no val un bezzo,
     17Ma col negarla la fè star in prezzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/40&oldid=69707"