Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AFFETTAZIONE


Gh'è dei omeni adesso a la toleta
     Con manteche, con stuchj, con peneli,
     Con feri in fogo da scotar caveli,
     4Che polvere se dà co la moreta.

Li burla più de qualche femeneta,
     Tiolendoli per musici o puteli:
     E la lo sa che quando no gh'è peli
     8No ghe xe mai virilità perfeta.

No vogio l'omo tanto efeminà,
     Nè ch'el me spuzza da salvadeghin;
     11Ma el decoro viril sia conservà.

Se chi recita, se anca Trufaldin,
     Studia de no dar segni d'afetà,
     14Tanto manco li daga el Citadin.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/32&oldid=67974"