Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Ma, care le mie Done benedete,
    (Parlo co quele che xe nate ben)
    Credemelo dasseno,
    Che de sto parlar beco cornù
    220Ghe n'è che se deleta anca fra vu.
        Xe pur vechio quanto un sasso
            Quel Proverbio che ne dise:
            Varda, tasi e no parlar.
        Godè pur, andè, stè, fè,
            225Ma lassè che tuti fazza
            Tuto quelo che ghe par.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/17&oldid=61972"