Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/128

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


17Gera megio de tì, che ti à la bava.
Arcibisdebisava
Ti par, co quela to ciera inumana,
20Picàda e vegnua verde in tramontana;
L' avarizia te scana,
Efige de la morte e de l'invidia,
23Che ti ga proprio el cefo de l'acidia.
No gh'è ne la Numidia
Fiera più spaventosa, e no gh'è drago,
26Basilisco, simioto, arpia nè mago,
Nè de Stige sul Lago
No ga Caronte quel color da mostro
29Tra 'l fiel e tra 'l calizene e l'ingiostro;
Va via dal confin nostro,
Va a star co' quei che tien el colo storto,
32Che a ochi bassi no i te farà torto
De vardarte quel porto
De tute le desgrazie, bruto muso,
35Despetoso, ingrugnà, scarna, otuso.
Quel to vardar astruso,
Losco, incantà, che 'l sangue fa giazzar,
38Che fa l'anema in corpo scantinar,
E quel gran scricolar
Che te fa i ossi, e quela to osazza,
41Che par el subio de una carbonazza,
Le xe cosse che cazza
Via la pazienza, e se se imbila e stufa
44Sentindo quel fetor che ti à da mufa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/128&oldid=68524"