Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/109

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL PODESTÀ


Terminà el Regimento, a un Podestà
     Ga fato da un regazzo la Cità
     Recitar in latin un'Orazion:
     Ma lu gera un c...
     5Che no capìa el latin:
     L'avea però vicin
     El Cancelier che molto lo intendea,
     E a lu l'a dimandà, cossa che avea
     Dito el regazzo in pien
     10Co quela so' Orazion.
     Risposto à el Cancelier, che in conclusion
     Le lode la contien
     De la so' casa. Infati
     Per casa elo intendeva i so antenati,
     15Ma el Podestà à capìo tuto a roverso,
     E credea viceverso
     Che l'intendesse del Palazzo dir,
     Fato da lu da novo costruir.
Fenìa po l'Orazion, dal Podestà,
     20Per basarghe la man, el puto è andà,
     E a questo lu ga dito:
     Amigo, ve ringrazio che pulito
     Avè dà de le lode a casa mia,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/109&oldid=69689"