Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/108

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     À replicà el secondo: Mi no posso
     25Pagar, quando se' vu quel che l'à scosso.
     Mi no go scosso gnente,
     À tornà a dir el primo francamente.
     E st'altro alora à dito: Se' un bricon
     Che me voria trufar. Vu, se' un ladron,
     30À sogiunto quel'altro, ma no mi.
     La và dita cussì,
     À tornà questo a quelo a replicar,
     E a forza de incalzar
     Ingiurie sora ingiurie i xe arivai
     35Che i se xe bastonai.
     Per meterghe de mezzo è corso l'Osto,
     E infati el gh'è riussio, ma a proprio costo;
     Che anca a lu gh'è tocae
     Oto o diese legnae.
40I Orbi à capio dopo
     Come quel tal li avea burlai pur tropo,
     Onde a l'Osto i ga dito: Pagheremo
     El primo dì che nu se vederemo,
     E l'Osto, omo discreto,
     45À ridesto a sta cossa e à tirà dreto.
          Mì no aprovo quel scherzo,
          Che in dano a ridondar vegna del terzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/108&oldid=69688"