Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 12.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


In to tanta malora
     Scelerato demonio iniquo e felo;
     E andava via tocando
     55La puta qua e de là de quando in quando.
E per qualche momento
     L'è andada in svanimento:
     El che la fava creder liberada,
     Ma gh'à dà l'Esorcista una vardada,
     60Disendo: No xe ver,
     La lo ga in corpo tuto quanto intier.
     E parlando a quel diavolo co sdegno
     Gh'à dito: Vogio un segno;
     Ti me vol cogionar ma no te credo;
     65No son minchion, e vedo
     Che in sto corpo ti è ancora;
     Onde presto va fora,
     E dame avanti un segno,
     Scelerato demonio iniquo e indegno.
70In quelo dal sopor
     La s'è come svegiada, ma in furor,
     Dando un pugno a sto tal tanto potente,
     Che ga fato saltar de boca un dente;
     E co sto segno alora
     75El diavol no, ma el dente è vegnù fora.
          El creder a sti Ossessi veramente
          No xe degno del secolo corente,
          Ma un'ignoranza crassa
          Ancora resta ne la zente bassa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_12.djvu/101&oldid=69681"