Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/70

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che pizzega el tavan stupido e gnoco
     24Nato senza comare in tel cortivo.
Per assalir un morbo velenoso
     Rabia, forza e valor vago cercando,
     So che l'impresa e che l'assunto è grando,
     28Co' è quel del Tonsi Agostinian famoso.1
Quest'è l'Ipocrisia, morbo e contagio
     Che dei quaranta dì chiama la piova,
     Peste cussì nefanda che no giova
     32L'aseo, la ruta, l'osmarin, nè l'agio.
Questa xe quela birba impertinente
     Che senza respetar Bole o Censure
     Con sacrilego pie rompe Clausure,
     36Frequenta i Chiostri e fa danar la zente;
Gramegna maledeta, amara e salsa,
     Tossego a la virtù, solfere al Cielo,
     Sceleratezza in maschera de zelo
     40Che bate in fazza a Dio moneda falsa.
A criolar, Signor, con diligenza
     El formento che dà l'Ipocrisia,
     M'insegna la moral filosofia
     44Che pagia resta el fito e la semenza.
Oh quanti Farisei che soto el scorzo
     D'un'indegna pietà move a deliri!
     No so dove ch'i trova quei sospiri
     48Che basta mezo a destuar un torzo.

  1. Era il P. Tonsi un Predicatore di molto grido.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/70&oldid=66428"