Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/69

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




SATIRA


Le donne, i cavalier, l'armi, e gli amori
     Canti l'Ariosto, e la so' Armida el Tasso,
     Venero tuti, e reverente lasso
     4A i poeti de l'Arno i primi onori.
Cedo l'eburnea cetra e l'arco d'oro
     A chi à savesto imortalar Adoni,1
     Me basta un canachion pien de taconi
     8E un ramo de sambugo per aloro.
Stufo de seguitar vena amorosa
     No trato più d'Amor che passa el guanto,
     Che m'à fato ingiotir più legno santo
     12Che no se basa in Coro a la Certosa.
Go un relogio da neve in t'una spala,
     Un altro da siroco in la zontura,
     Osservazion cavae da la natura,
     16Pronostici crudeli che mai fala!
Done, mai più ve lodo, e no me chiapo
     Se questa xe la chiusa dei Soneti!
     Renonzio l'arme ai vostri moroseti,
     20Seguito Giovenal, e son da capo.
Musa, me svegia un celebre motivo
     Che meteràve spirito a un aloco,

  1. Il Cav. Marini.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/69&oldid=66441"