Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/56

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che no me sazio
     De solo odor.


VII

Mi son giusto de puina
     Che ogni poco me rovina.
     Ochi, cavei, colori,
     Tuto me par tesori,
     5E unite a mile a mile
     Sento le tentazion.
M'incanta le bianche,
     Me acende le more,
     Son sempre l'istesso
     10A tute le ore;
     Pulite e pitoche
     Per mi tuto è bon.


VIII

Xe ben che i omeni
     No sapia tuto;
     Più dolce è 'l fruto
     D'un ignorante
     5Credulo amor.
Chi tropo cerca
     Tropo anca trova;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/56&oldid=69656"