Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA MATRONA D'EFESO


NOVELLA


GIÀ SCRITTA DA PETRONIO ARBITRO.


Dame, e vu che le Dame stimè tanto,
     Per niente no badè a sta istorièla.
     Petronio un dì l'à scrita (oh Dio che incanto!)
     Mi l'ò tradota, ma lontan da quela
     5L'ò fata in Venezian col stil de Santo
     Pagozzi; d'ela ridè, o pur strazzèla;
     Ma dirò, e vel protesto, che se dà
     Pur tropo in certe Dame sta onestà.



Una Dama ghe gera a un tempo in Efeso
     10Tanto nota per fama d'onestà,
     Che tute quante le mugier, le vedoe
     De la Cità e de i lioghi vicini
     A procession le andava a visitar
     Sta Dama onesta, sto spechio, sto portento,
     15Sto onor, sta gloria, sta virtù del sesso.
     A sta Dama de tanta castità
     Ghe xe morto el Marìo. Oh Dio che afano!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/35&oldid=69641"