Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     No abiè timor de questo,
     A idee sì strambe dè un perpetuo bando,
     25Quel che da nu se vol xe ben tut'altro;
     Metève in atenzion, e ve protesto
     De dirve el con e 'l ron tuto desteso
     Aciò no possiè dir che no avè inteso.
Da vu altre se brama, che dai fianchi
     30Ve sia stacà i Serventi,
     Perchè semo po'stanchi
     De veder la Cità piena a martelo
     De marii cornisai, b... contenti;
     Se vol troncà el bordelo
     35Dei vostri Rendez-Vous,
     Nè che i se fassa più.
     Xe savio el mondo e nol vol più sofrir
     Che una galanteria sia el vituperio,
     E un vezzo de la moda l'adulterio,
40Cossa ve par, carine?
     Cosa me saveu dir?
     Qua lucheti no gh'è, no gh'è tirani,
     Nè se vol che stè in casa retirae
     E sempre condanae
     45A laorar e a mastegar corone,
     Basta che più no fe le b...e.
     Che i patrimonj no butè in sconquasso
     Coi bertoni, col ziogo e in darve spasso,
     Che de più no iritè la Tera e 'l Cielo
     50Perchè abiemo a provar qualche flagelo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/32&oldid=69638"