Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RISPOSTA
AL LAMENTO DELLE VENEZIANE


Done, no ve dè pena:
     No ve metè in spavento
     Se fusse anca per vu zonto el momento
     De meterve in caena,
     5O, a megio dir, de meter la cavezza
     A tanta tracotanza e sfrenatezza.
No ve ramarichè,
     El mal no sarà grando
     Come che vel pensè.
     10Se sa che dei Catoni,
     Dei Fabi, dei Licurghi e dei Soloni
     Xe passà el tempo, e che 'l mondo moderno
     Se ride de quei mati e se fa scherno.
     Ancuo se vol che ben vestii se vaga,
     15Sempre serae no se ve vol in casa,
     Molto manco in cusina
     A cuser canevazze,
     A taconar vestidi e gabanoni;
     Un pensar sarìa questo da minchioni.
20El mondo tuto ve vorà carète,
     No convertie, desmesse e anacorete,
     Come senza razon andè sclamando;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/31&oldid=69637"