Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



AL PREVOSTO DI SORISOLE
DON ANTONIO RUBBI
VENUTO IN CREDITO DI FAR MIRACOLI


O Don Antonio Rubi, Taumaturgo
     De Bergamo, agiutè
     Un Sordo che qua gh'è;
     Un Sordo cussì sordo, e tanto sordo
     5Ch'ogni fedel creatura
     Che con lu parla rischia una rotura.

Da Sorisol voltève in ver Venezia,
     Benedì, ma de cuor,
     Sto Sordo secator,
     10Fe' ch'el buta a la fin via la trombeta,
     Liberè sta Cità
     Da tanta maledeta sordità.

Canzon, overo Oremus,
     Va là, va dal Prevosto,
     15Va ti, perchè sto Sordo
     No ga bezzi da far tanta gran strada;
     E quando ti è arivada,
     Con un cuor pien de speranza e ingordo
     Racomandaghe ben, ben ben, sto Sordo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/16&oldid=69624"