Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 10.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


IL BAFFO CHE PARLA DAL MONDO DI LÀ


Per aver scrito mi certe Poesie
     Che Omeni e Done s’à scandalizà,
     E che à fato ch’el culo m’ò scotà,
     4E paga el fio de tante porcarìe,

A scriver in favor son obligà
     De la Santa Fede e de le Fraterìe,
     Za ch’una è andada, e l’altre xe spedìe,
     8Per quel che se descore anca de qua.

Le gran cosse se conta qua in sto logo!
     Tuti cria, tuti pianze e tuti ciga
     11Perchè l’aque sechè che stua sto fogo!

Pari, mare, fradei, zermani, amiga,
     Qual el fin sarà un zorno de sto zogo
     14Vol, da parte de Dio, che mi ve diga.
                               Che bela rima in iga
     Che gaverìa tra tante che ò fat’uso!
     17Ma no la posso dir perchè me bruso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_10.djvu/26&oldid=65977"