Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/96

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Nevega? Oh! alora sì, boca che vustu!
     Perchè o s'ingiazzi o l'umido sia mosso
     Ve godè a spotachiar per el paese
     78E gavè un stilicidio per un mese.
Senza fogo xe fredo, e 'l fogo impizza
     E imiserisse, e val tre soldi un fasso;
     La stua ve inzuca, el caminar ve istizza,
     Co l'aria dei Cafè deventè un tasso;
     Se un teatro xe pien, l'aria xe un bagno,
     84Se nol ga zente, ve impetrì sul scagno.
Dei reumi, de le ponte e de la tosse
     E de cento altri mali sfondradoni
     Mi no ve parlarò, che le xe cosse
     Che sta Stagion regala per bomboni.
     Curte, l'Inverno è morte, e stago saldo,
     90Che no se trova un morto che sia caldo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/96&oldid=59794"