Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/95

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Perchè passo i mii dì fra quatro muri,
     48E crio se no i me sera ben i scuri.
Ma quel leto, quel sono e quel magnar,
     Quel bon goto de vin, quela partia,
     I è gusti che de più no se pol dar,
     E tuto quanto el resto xe pazzia,
     E ordinarave mi, se comandasse,
     54Che chi no fa sta vita i li impicasse —
Chi xe che de sta vechia no ridesse,
     E che no schiamazzasse a piena boca?
     E pur se un poco se ghe rifletesse
     L'Inverno a far sta vita za ne toca,
     E squasi tuti i gusti, a dirla schieta,
     60Fenisse in pachio, leto, e camereta.
Gh'è qualche Inverno che se va stampando
     Per chi xe de l'Inverno protetori;
     Ma no l'è Inverno, e po' sto contrabando
     Ghe costa a la Natura dei suori;
     E come fa le done del bon ton,
     66La vol refarse in st'altra tre Stagion.
Se xe un zorno seren, gh'è el giazzo in tera,
     E le gambe e la testa è a mal partio;
     A le vechie el borin ghe fa la guera,
     E ben che abiè el tabaro se' servio,
     Per tuti i busi el barbaro se fica,
     72Ve brusa i ochi e 'l naso xe lambica.
Se xe siroco sguatarè de gusto,
     E quel'umidità ve ariva a l'osso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/95&oldid=59793"