Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/72

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


No de marmo, no de porfido
     Un sepolcro gaverò,
     105Ma una bota, e fra la gripola
     El gran sono dormirò.
     Sia scolpio su la so base
     El mio goto, quel più grando,
     E sia scrito:
Dorme in pase
     110L'imbriagon più venerando
     Ch'abia visto el Sol qua zo.
Vegnerà, za no lo dubito,
     L'otavario a celebrar
     Più imbriaghi, strassinandose,
     115Le mie ceneri a onorar;
     E per far un'ecatomba,
     Che a sto mondo me imortali,
     La mia bota, la mia tomba
     Co tresento e più bocali
     120I me vegnerà a sguazzar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/72&oldid=69616"