Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Oh dio! che la to boca
20Co quele no convien.
          Quel che
ec.

      Se voi scazzar de l'anema
Quel fogo che sofrir
M'à fato tanti spasemi,
28Ti, ti me 'l sa proibir,
      Ma se te digo, cara,
Sentistu in tel to peto
Per mi l'istesso afeto?
32No ti me lo vol dir.
          Quel che
ec.

      Su quele neve candide
Se sbrissa la mia man,
Neve che fa ardentissime
40Un dio per mi tiran,
      No trovo che se opona
La toa su quel momento,
Ma da là un poco sento
44Cazzarmela lontan.
          Quel che
ec.

      Qualche coral dai laveri,
E vero, t'ò robà,
E ti, compassionandome,
52Robar ti l'à lassà;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/55&oldid=69599"