Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Quel garofolo jer sera
     20Come dio gera adorà;
Nè invocar Flora e Priapo
     No ghe val; nè dire: oimè,
     Lila mia, per ti son fiapo,
     24Che pietà per lu no gh'è.
Benchè ancuo ti sij l'eleto,
     Ti averà per sucessor,
     Chi lo sa, zensamineto?
     28Forse ancuò de zuca un fior;
Che nel regno d'incostanza
     Gh'è cucagna, credi a mi:
     Tuti ga la so speranza,
     32Se no un zorno, un altro dì.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/45&oldid=69589"