Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/44

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL GELSOMINO


TRADUZIONE DAL SICILIANO


Zensamin, de far bravate
     No so vederghe el perchè;
     Star in mezzo a un sen de late,
     4No lo nego, l'è un gran che;
Ma le rose e i amaranti
     Xe stai là, li ò visti mi,
     E un onor concesso a tanti
     8Xelo onor? dimelo ti?
Zensamin, te vedo a ciera,
     Un sovran ti è deventà;
     Varda ben che avanti sera
     12Sto sovran no sia fischià.
Farse gloria al dì d'ancuò
     Che una dona v'ama! oibò;
     Caro ti, l'è amor a fruo,
     16E ancuo l'ama, e doman no.
Fufignà, vedistu, in tera
     Quel garofolo ch'è là?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/44&oldid=69588"