Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/41

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Mi te insegno un logo presto
     20Da suzzarlo e sbabazzarte.
La mia Nina a l'ochio belo
     Ti conossi, e a le fatezze;
     Svola al lavro; apunto in quelo
     24No ga fin gusti e dolcezze.
Sì, in quel lavro che un soriso,
     Un soriso adesso infiora,
     Ghe xe un miel de paradiso...
     28No ti suzzi, Avéta, ancora?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/41&oldid=69585"