Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'APE


TRADUZIONE DAL SICILIANO


Dime, Avéta bonoriva,
     Perchè avanzistu l'Aurora?
     No gh'è ancora anema viva,
     4No rossiza i monti ancora;
Trema e luse in ogni parte
     Su l'erbete ancora intate
     La rosada: ah! no bagnarte
     8L'ale d'oro delicate.
Nei so' verdi bocoleti,
     Streti suso e fati in massa,
     Sonachiosi xe i fioreti
     12Co la testa ancora bassa.
Mo via fermite cativa,
     No stracar le alete ancora;
     Dime, Avéta bonoriva,
     16Perchè avanzistu l'Aurora?
Vustu miel? cerchistu questo?
     Sera l'ale e no stracarte,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/40&oldid=69584"