Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL PENSIERE


Vado pensando, Nonola;
     Quelo che Amor facesse
     Quando ch'el te vedesse:
     4No xelo un bel pensier?
Mi ghe scometarave
     Ch'el restaria incantà;
     E che dopo el dirave:
     8Sta dona ghe xe qua?
Cussì el dirave, Nonola,
     E po' dopo a bel belo
     Quel mato de putelo
     12Te vegnaria a basar
Prima la man, po' un brazzo,
     E po' el farìa un sestin,
     E po' dopo el furbazzo
     16A pian, a pian pianin
L'anderia rampegandose
     Più in su, più in suso ancora

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/29&oldid=69574"