Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E benchè Amor sia un perfido
     20No so scampar da Amor.
So che la benda magica,
     La benda d'ilusion,
     Strazza dai ochi ai omeni
     24Filosofia e razon;
Ma co, che senza iluderse
     La vita xe languor;
     E benchè Amor sia un perfido
     28No so scampar da Amor.
So... ma el saver no medica
     Chi è nato per sentir;
     E so, che no scampandote
     32Tropo averò a sofrir;
So che in quei ochi, o Filide,
     Xe sconto el traditor;
     Nè so scampar da Filide;
     36Nè so scampar da Amor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/19&oldid=59777"