Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     S'ha visto simile
     48Sempre a restar.
No ti è che pausa
     De la Natura;
     51Se un omo termina,
     La specie dura;
     E spezie e generi
     54Ti fa tornar;
Che quel che regola
     Sto nostro mondo
     57Quanti individui
     Vive qua in fondo
     Come tanti atomi
     60Sa contemplar.
E quela fiacola,
     Che ne destruze,
     63In miera d'esseri
     Spande la luse,
     E in miera d'esseri
     66Ne fa cambiar.1
Ma ne l'empireo,
     Ma ne l'inferno
     69Nome più provido
     Nel so governo
     Chi sa trovarmelo,
     72Chi 'l sa idear?

  1. L'autore contempla la disorganizzazione fisica del corpo animale.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/101&oldid=69566"