Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 1.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ti, che quei stimoli
     Discordi tanto,
     21Che porta i omeni
     De pianto in pianto,
     Che li fa martiri,
     24Ti sa quietar;
E ti, che al misero
     Senza conforto
     27Con man benefica
     T'insegni el porto,
     Ti, Dea teribile,
     30Voi' celebrar.
Quanto xe stolidi
     Chi destrutrice
     33Te chiama, o provida
     Generatrice!
     Quanto i xe deboli
     36Nel so pensar!
Dal dì primissimo
     Che sui mortali
     39E falce e fiacola
     E l'arco e i strali
     T'à dà 'l trifulmine
     42Per dominar,
In tanti secoli
     Ch'el mondo zira,
     45L'imenso numero
     De chi respira

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_1.djvu/100&oldid=69565"