Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/205

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Colui che parla in questo canto, essendo preso d'amore per una donna che ha nome Antonia (nel dialetto Tonina e Togna); dopo d'averle con altri argomenti espresso il grande affetto ch'ei le porta, chiude il discorso protestando che d'ora in poi egli non vuol pescare che a togna; e questo (pel doppio senso che ha la parola), ha da essere un complimento galante che faccia andar in estasi colei alla quale è rivolto.

Ingrespo coi sospiri la laguna: cioè sospirerò tanto e cosi forte, che col soffio farò che s'increspi l'onda della laguna, non altrimenti che se fosse Garbino e Scirocco!


LIII


Vogio de ti desmentegarme, ingrata,
Perchè ti no ti meriti più fede;
Za che a inganar, za che a tradir ti è nata,
Voi, se gh'è qualcheduno che te crede,
Farghe tocar con man che ti xe mata;
Vogio che el sapia, e voi zurarlo in fede,
Che ti ga la coscienza tanto a basso
Come l'acqua in tel pozzo de s. Basso.


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/205&oldid=61568"