Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/163

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXVII


Varè co' seria, varè co' modesta
Che xe quela donzela da mario!
Lustrissima la xe; la porta in testa
El zendà de lustrin zolà da drio
E incrosà sul davanti; co la vesta
Da signoria a marizo; e, per più brio,
Alti i tacheti assae de le scarpete;
E la ventola in man per far bao-sete.


Abbiam dato in una delle note antecedenti la descrizione del vestire d'una donzella del volgo.

Fra la plebe ed i patrizj eravi un mezzano ordine, cui appartenevano, per esempio, i cittadini benestanti, i medici, gli avvocati ec. e questi eran detti con appellativo generale, lustrissimi.

La donzella qui descritta è appunto una lustrissima: un uomo plebeo la vede passar sulla via, e mentre le guarda dietro, con quel senso d'invidia che la plebe provò in ogni tempo per chi veste migliori panni de' suoi; va facendo seco stesso la descrizione del vestito ch'ella porta dalla testa ai piedi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/163&oldid=61877"