Pagina:Berto Barbarani, I due canzonieri, 1917.pdf/80

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
EL MONTEBALDO
E LE MONTEBALDINE.


I.


     Co i piè nel lago e co la testa sconta
fra le nebie che fuma a fiochi, a fiochi,
co una tempesta quasi sempre pronta
par fulminar le barche de i pitochi;

     cargo de gobe, che finisse in ponta,
col fogo drento, che lo magna a tochi...
Quando la rabia nel çervel ghe monta,
tuta brontolamenti e tuta s-ciochi;1

     e i boschi alti salta su de furia
soto i colpi de vento che li scuria,2
e no gh'è baito che se tegna saldo

     e no gh'è fosso che no para un progno,
una note sveiandome da un sogno,
da la Ferara3 ò visto Monte Baldo!

  1. s-ciochi: scoppi
  2. che li scuria: che li frusta
  3. Da la Ferara: Ferrara di Montebaldo, ridentissimo paesello di montagna, dove i turisti usano per solito pernottare prima di salire alla cima del monte (metri 2200) detta del Telegrafo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Berto_Barbarani,_I_due_canzonieri,_1917.pdf/80&oldid=70463"