Pagina:Assedio de Venezia.djvu/68

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



LX.


Morir... rinasser se sentìimo nù,
Da mal e fame e guera tempestai:
Simben che, adesso, no podeimo più
Ma gerimo el dì dopo ingaluzzai.

Veci, col fogo de la zoventù
E femene e putei cussì impizzai,
Che sbusà gavaressimo colù
Che avesse dito: ― lassè andar che ormai!... ―

Un corno che ve pica «ormai!» Volevimo
Mostrarse a tuti fioi dei Bragadini
Dei Zeni e dei Venieri ― e se pianzevimo

Qualche volta, sentì, per i bambini
E per i veci e i deboli lo fevimo
Che ghe mancava tuto a quei meschini!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Assedio_de_Venezia.djvu/68&oldid=61843"