Pagina:Assedio de Venezia.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



XLVII.


E fogo sempre! Ai vintisìe de Magio
Malghèra e San Zulian i xe batui,
Ben più de prima assae, da quei fotui
Che ai so pìe za ne vol arme e bagagio:

Che a tuti i costi, come i fa coi sui,
Meterne i vol, quei maledeti, el bagio
Più grando in boca... No ghe xe più un ragio
De speranza per nù stanchi e abatui!

Xe tuti quanti una rovina i forti,
I parapeti andai tuti in frantumi
E xe per tera a çentenera i morti.

Missiae, là, in mezo ai rovinassi, a grumi
Le carne gh'è dei zoveni più forti:
Tra buse e bombe core el sangue a fiumi!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Assedio_de_Venezia.djvu/55&oldid=61829"