Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


vardè cossa ch'el m'ha fatto el mio pisson - el mio pissòto - pissa in leto
fala fala el mio cagadosso, che gnanca geri no ti la ga fata
el mio sbavacion1
svègite el mio dormicion - el mio dormiòto
cossa galo che nol dorme, el mio svegiarin2
no star più a piànzar el mio fifon, el mio fifòto3
cossa gali fati al mio pianzoto ch'el ga i oci lagremini?


Gavè visto, sta bronza coverta! Gavè visto sto papatasi?4
el fasea finta de dormir sta santa pepa; per svodarme la zucariera, finchè so stada via...5
elo gnanca una palegana?
eh sì, fame mignognole (fammi carezze); oramai ve cognosso sior santocio! ve cognosso sior finton! Ma a mi no me se struca minga çevole in ti oci, salo?
el diga, el diga sior busiaro; la busìa ga le gambe curte. Dove xeli andai i baìcoli che gera su sta tola?6
ma ti xe la gran cativèria, sa, el mio ben

  1. Che s'imbratta di bava; e succede specialmente quando il bambino mette denti.
  2. Di breve sonno.
  3. Piagnoloso.
  4. Co' bambini non ci son occhi che bastino. Guardate un po' quest'acqua cheta (bronza coverta, papatasi).
  5. Faceva mostra di dormire, finchè la mamma era là accanto, quell'ipocritone (pepa, polegana, santocio): ma non appena s'è allontanata, eccolo a prender d'assalto la zuccheriera.
  6. E questo invece ha abboccato i baìcoli (fettuccie di biscotto, così chiamate per certa loro grossolana somiglianza col baìcolo (cefalo molto giovane).
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/43&oldid=61701"