Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


caro el mio grilo
cara sta parùssola1
cara sta cavaleta
cara sta nòtola2
dove vala, dove vala la mia pavègia?3
el mio mazorìn
el mio passarìn
el mio ragnèto
el mio rossignol
cara la mia galinèta4
caro il mio bebè5
el mio pignoleto6
el mio nino, el mio ninin - cara sta ninèla
el mio vovo de colombo
la mia fegureta
el mio trotoleto
caro sto gelsomin
caro sto bòcolo - sto bocoleto - sto bocolo da riosa
caro el mio garofoleto
cara la mia camèlia
caro el mio zègio de Sant'Antonio
el mio oseleto.

  1. Cingallegra.
  2. La mamma glielo dice quando dimena i braccetti, come fa la nottola delle ali.
  3. Farfalla.
  4. Perchè sta sempre attorno alla sua mamma. Omo galineta è il donnaiuolo, che starebbe tutto il giorno insieme a femmine.
  5. Non ha nulla di comune col bébé dei francesi. Io l'ho sentito dire al bambino nato da pochi giorni, e che col suo vagito oè, oè, ricorda il bellare dell'agnellino.
  6. Pinocchio. «Fa nana pignoleto de to nona» dice una ninna-nanna de' tempi vecchi della Repubblica.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/35&oldid=61692"