Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


caro quel papagà
caro sto tantèrolo1
caro sto cosseto2
la mia çesina - la mia çesarina3
el mio bocon de pan
el mio spineto
la mia gèndena4
caro el mio bonigolo, el mio bonigoleto5
caro quel sfrogno
caro el mio nònolo, el mio nonolin
el mio stronzeto
mo vardèlo el mio sestin6
la mia grazieta
el mio pica piavoli7
care ste mie zanzarèle8
vela qua la mia semenza
el mio cioci9
caro quel gardelin
caro sto canarin

  1. Che questa voce alla latina sia proprio come vorrebbe Boerio storpiata da tantulus o tantillus che valgono sì picciolo, sì poco? Può darsi.
  2. Cosetto.
  3. Cecino, piccolo cece.
  4. È l'uovo del pidocchio.
  5. Bellico.
  6. Sesto (ma, per carità, coll'e larga) vale garbo.
  7. Dal vezzo ch'hanno i bambini di far colla carta figurine, e quindi appiccicarle mediante la colla ch'hanno in bocca su pei muri.
  8. Sono i frammenti dell'uovo sbattuto nel brodo. Andar in zanzarele gli è non tenersi bene insieme, ridursi come in pappa, spappolarsi; e la mamma si riduce così dal piacere di vedersi la sua creaturina!
  9. Dev'essere un vezzeggiativo importato, nè saprei da dove. Ma l'adoperano anche a Trieste.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/34&oldid=61691"