Pagina:Alghe della laguna.djvu/13

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Ghe xe qualcossa in aria
Che me ripete: spera!
Dunque speremo! I tepidi
Sbrufi de primavera
I romperà sto giazzo
18Che ne incaèna el brazzo.

El ditator del popolo
No xe gnancora in fossa;
No xe finia la storia
De la camisa rossa.
Chi dixe ancuo: se sogna,
24Dirà doman: bisogna!

Bisogna o pian o forte
Saltar sto fosso infame:
Megio sfidar la sorte
Che sgangolir de fame.
Quel che xe scrito è scrito:
30Chi torna indrio, xe frito.

Su dunque in compagnia
Batemo vela e remo:
Fra chi stalisce e scia1
Mi tiro dreto e premo.
Vogio cantar Sant'Ana
36In gondola o in tartana ! —

Intanto o drento, o fora,
Vicini o pur lontani,
Restemo fino allora
Amici, e veneziani.
La patria xe un bel fior
42Bisogna farghe onor.

Portèmolo sul petto
Per gloria e per conforto:
E el zorno benedetto
Che riveremo in porto
Soto el so ciel nativo
48El fiorirà più vivo.

  1. Stalir, sciar, premer: esprimono movimenti diversi nella lingua de' Gondolieri.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Alghe_della_laguna.djvu/13&oldid=61656"