Navigatio Sancti Brendani/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXXV
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXXIV Edission e fonte ▼ XXXVI  →
De arcu aureo supra columnam capitis pontis

E su queste altre trave s'iera fato uno arco d'oro molto reluzente, soto lo qual iera intaiado li xii mesi de l'ano de piere preziose, como seria sovra uno marmore; e de sovra l'arco s'iera intaiado li xii segni de lo zielo e su ziascun s'iera lavorado de piere preziose li vii planeti e iera partido per gradi e per ore. Da una de le sponde s'iera lavorado de piere preziose e tuto lo Vechio Testamento e da l'oltra sponda s'iera lavorado tuto lo Nuovo Testamento de piere preziose e tuto lo stado de le p(r)elazion e de li rezimenti signorili, zoè de papa e de inperadori defina tute le gran cose (è) e che serà infina la fin de lo mondo. E l'un de li cavi de lo arco si è su li cavi de una figura che sé fata con' lo Papa, tuto ben apari(a)do su una cadiglia como elo senta, fata su iiii animali molto meraveiosamentre; e l'altro cavo de lo arco si è su una figura fata come lo Inperador, como lo è meio adobado e incoronado, sentado su una carieglia fata molto strania su iiii similitudine de li iiii evangelista; e tute queste cose si è molto ben lavorade de piere preziose con oro e con arzento, e quelo che pareva carne, sì par propiamente de carne, e così de li drapi e de le altre cose. E si è tante belle figure e ben intaiade, ch'ele par pur eser vive, e tanto ben fate in soa visa, che mai non incresieria ad algun omo a vederle: per la vertude de le piere e de la beleza soa poriase 'nde star senza manzar e senza ber e par che lo Inperador varda lo Papa e par ch'elo li parla de qualche cosa. E al mezo de lo arco in la plu alta parte che 'nde sia si è lavorado de gran mioramento una cadiegla molto granda su iiii animali, e sì ne sé intaiado lo dolze signor Dio, segondo como lo die star lo dì de lo zudisio a zudegar lo mondo, e tuto è de piere preziose e (si è) do figure cusì fate l'una como l'altra e stase contra doso per poder ben parer da intranbe parte e (a) tute persone. E su la ponta de lo siegolo zelestro ela si è uno gran spechio molto belo e doplo e de tante vertude, ch'elo se ne può splegar ogna persona da qual parte eli vol star per vederse; e su per lo spiego de lo zielo de lo Signor è lavorado li plu beli intai ad oseli ed a albori e razii et a bistiole, che s'elo non fose altro de bele, quele seria sofiziente per aver gran consolazion a lo spirito e gran deleto a lo corpo.

E da lo ladi de ver mezodì, lonzi lo trato de una piera con le man, si è in mezo de lo flume una colona de cristalo fita molto grosa e longa e su questa colona si è lavorada una gran roda tuta de piere preziose e end'è molto ben fato lo Paradiso e tuto quelo che 'nde sé e como elo sta con ogni cosa; e questa è tal zoia da veder, che s'elo non fose altre cose a lo mondo da veder, elo basteria per aver consolazion et alegreza.

E da lo ladi de ver tramontana, lonzi ben uno trato de piera con una fonda, si è in mezo de lo flume una colona molto bela e grosa e longa de uno malmoro roso, tuta zerclada de fero e aplonbada, e su questa colona si è lavorado una gran ruoda de piere brute, e no è preziose nì straluzire: e sì ne iera molto ben lavorado lo Inferno, tuto quelo ch'è intro e como elo sta con ogni cosa; e questa si è tal paura da veder, che s'elo non fose altra cosa bruta e spaurosa, questa seria sufiziente, e no è nì no fo nì serà algun sì rio, che se elo la vedese benché senpre, elo averia paura e temor de andar in Inferno.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/35&oldid=42516"