Navigatio Sancti Brendani/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XXXII
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XXXI Edission e fonte ▼ XXXIII  →
Hic fratres pervenerunt ad insulam pulcram procuratoris in qua steterunt xl dies

E siando eli con lo procurador in quela soa isola, la qual iera molto bella e granda, lo abado Brandan con li suo' frari trovà e vete tante cose stranie de le cose de le altre contrade, che apena poria eser scrito: mo tuta fiada, o crezudo o non crezudo, elo trovà una via tuta de aste lavorada de diverse piere preziose in beli lavorieri devisadi l'un da l'altro, e queste aste s'iera lavorade con oro e con arziento molto ben. E questa via iera longa uno mier, e da li ladi sì pareva eser fosadi puoco cavadi e in quele s'iera rane belisime da veder per la stranieza de li lavorieri qu'ele aveva lavorade le so pele; onde ele iera plu bele da veder quele so ovre che non è le porpore nì li frisi anpli lavor(ad)i de molte sede ad oro e con perle e con piere preziose. E queste rane cantava sì dolzemente e sì ben e aveva (sì) belo muodo, ch'elo non averia avantazio la vosie de lo arpenil nì de lo canon nì de lo mezocanon nì de lo seltierio. S'iera suso per li rieli zumentele che andava cantando su per l'erba, e iera 'nde de piziole e de grande lusierte che coreva de qua e de là, tante bele da veder per zerti lavorieri che iera lavorade le so pele, che ben non se pò dir nì scriver.

L'erba de la riviera tanto iera bela e oliosa, ch'ela soperclava in beleza e in odor tute le nostre erbe oliose, ond'elo è niente lo odor de la savina, de lo rosmarin e de la menta e de le viole e de le ruose e de lo comin e de le naranzie. Li albori per li luogi iera tanto beli e grandi, che per la longeza e per la groseza, ch'è a mioramento, per nu' non se poria dir e tuti iera gargadi de flori e de diversi colori e de fruti; e su ziascun ramo de tuti s'iera fruti maduri e aserbi e mezi maduri e mezi aserbi, zoè dataleri, pigneri de asè nature, pereri, castegneri, susineri, persegeri, ziotroni, zinamomo, caroberi. Vedesemo cane de zucaro e altri albori de diversi fruti, che no è in le parte de Italia, che briga seria a contarlo. Li grii per li canpi tanto iera beli e tanto sonava bon in so cantar, che non incresieria mai a oldirli. E de queste cose e de le altre sì ne iera per la riviera de la via. Tuti li albori s'iera cargadi de osieleti che cantava tanto dolzementre e tanto soavi versi faseva, che chi nonn-avese altro paradiso ca questo cantar, seria sofiziente, nì no averia luogo nì ber nì manziar nì altra cosa voler dir nì far se no a star a oldir li suo' versi cusì preziosi, e no 'nde averia luogo lo canto de li nostri rusignuoli nì merli nì loldole nì gardelini montani nì faganeli.

E queste cose e de le altre.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/32&oldid=42512"