Navigatio Sancti Brendani/14

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
XIV
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
←  XIII Edission e fonte ▼ XV  →
Qua trovà li frari lo monestir de san Abeo con XXIIII munesi e fe la festa de Nadal

Et in cavo de li tre mesi sì vene uno dì in lo qual li aparse una isola non tropo lutan, e como li aprosimà a lo lido, elo li sovravene uno vento forte lo qual i portà in una parte de la qual eli navegà xl dì continuamente intorno questa isola, nì no (podeva) prender porto, siando senpre da pruovo. E in cavo de li xl dì li frari iera stanchi e fo in concordia de star in orazion e pregar Dio che li trazia de questa briga. Eli iera sì avenà da la grameza, ch'eli non podeva lavorar plui. Eli stagando continuamente in orazion tre dì e in astinenzia de parlar, la nave se movè forte per si e fo zonti a uno porto streto de una nave e vete là do fontane d'aqua: una iera torbeda e l'altra clara, e li frari fo tuti confortadi e desirava de tuor de l'aqua clara e apariavase con li vasieli. Lo abado li dise cusì: "Fioli mie', no fé negota de scovegnivele e non tolé aqua nì altre cose de questa isola senza parola de quelo vetran che ve abita in lo servizio de Dio; e non ve dubité che lui ve ne darà asè d'esa, onde non la involé e non voié ber aqua involada". E in quela fiada eli desmontà de nave e vardà in quela parte eli doveva andar.

Elo li vene viazamentre incontra uno belo vetran, che aveva li caveli blanchi como neve e la faza bela e colorida e la barba longa infina in tera e molto blanca, e como elo li fo da pruovo, elo se inzoneclà in tera devotamente, ananti ch'elo dese pasie a lo abado, e san Brandan andà a la terza fiada da lui e levàlo suso de tera con li altri frari e dese pasie benignamente e prese per la man; e intranbi abadi cusì andà ad un per la otava parte de uno mio, e fo zonti ad un monestier. E como san Brandan con li suo' frari fo apreso la porta de lo monestier, elo stete fermo e dise a questo vetran: "Pare, de chi è questo monestier? E chi è signor d'eso? E onde è queli che 'nde abita?". E altre parole asè li dise e de mol(t)e cose li domandà; e lo vetran pur tasieva e non li respondeva ad alguna parola, mo pur con la man li feva belamente insegne de responsion e pur tasieva. E vegando san Brandan ch'elo servava astinenzia e non iera sordo, sì clama a si li so' frari e comandali ch'eli tegna silenzio defina che serà tenpo e luogo de poder parlar, e a ziò che eli non dia casion de ronper la penetenzia e la obedienzia de li frari de lo luogo. E in piziolo spazio, da ch'elo ave fato questo comandamento, elo li vene xi munegi incontra da lutan con crosie e con casete de requilie e de santi e cantava digando inni e altre cose, zoè un capitolo che dise: Surgite deo, sancti, de mansionibus vestris et proficiscemini obviam veritati. Locum sanctificate et plebem benedicite et nos famulos vestros in pace custodire dignemini. E abiando conplido de dir questo verso, lo abado de lo monestier sì de' pasie a san Brandan e a li suo' frari, e abiando cusì fato elo li menà con si dentro da lo monestier per tuti li luogi e disevali: "Questo è cotal luogo e da là cotal cosa". E abiando mostrado tuto dentro e de fuora, elo fe vegnir aqua calda e lavà i piè a tuti li so' frari et eli cantava questo verso: Mandatum novum do vobis, ut quemadmodum ego feci vobis ita et vos faciatis.

E siando questo fato (con) consolazion, eli lo menà in lo rifituorio e fe segno con la man e sona[n]do la canpanela ch'eli andase dentro da le tole a seder, et eli 'nde andà. Puo' sonà ancora la canpanela e in piziola ora vene uno frar de lo monestier con pani molti blanchi e con radise fresche de erbe de molto soave gosto. E aconpagnàse uno de li frari de lo monestier con uno de li frari forestieri per ordene a la tola, e dentro do frari fo dado uno pan intriego e do radise, e puo' fo sonado la canpanela ancora e uno frar sì li aduse da ber.

E lo abado de lo monestier se confortà tal fiada questi frari con aliegro viso, digando: "Questa è la bevanda de quela fontana, che vui vosesi ancuò tuor de l'aqua fortiviamentre per ber; or ve bevé seguramentre, ch'ela è de la fontana clara, e tolé 'nde in caritade e con alegreza e con timor de Dio. E de l'altra fontana torbeda, la qual vui vedesi, sì vien lavado li piè ogni dì a li frari e è calda per natura. Li pani, che vui avé vezudi cusì beli e boni, non se fa in questo monestier nì non savemo in che luogo nì chi li aduga al monestier, mo sì semo zerti ch'elo è don da Dio e grazia ch'elo ne fase per la so bontade, non voiando abandonar li so' servi. Sapié che nui semo xxiiii frari e ogno dì avemo xii pani per nostro manzar, zoè uno pan in do frari, e ogna domenega e ogna altra festa ne vien dado u(n)o per omo, a casion ch'eli ebia per zena de quelo con le frègole che se recoie. Ma mo', anch'elo no sia festa, Dio ne manda uno perr-omo perché vui se' qua vegnudi e ave voiudo mandar la spesa. In questo muodo Cristo nostro signor sì ne à norigadi fina mo' de lo tenpo de san Patr(iz)io e de san Albeo, nostri pari, e si è ben otozento ani pasadi. Vero è che (de) la vechieza e la debelitade ele nostre nenbre si è inmun. E devé saver che in questa isola nu' non avemo algun desasio de manzar, ma cusinato de fuogo nui non avemo mai, e non avemo mai fredo nì caldo che ne faza recresimento, perché lo aiere è molto tenperado; e quando lo è ora de cantar mesa e maitin e besporo, li luminarie de la gesia vien inprese e non savemo da chi e arde tanto como dura l'ofizio, 'ceto ch'a lo maitin, che dapuò ch'elo è dito ele arde defin dì, e mè non manca l'oio dentro".

E como eli ave beudo tre fiade, lo abado segondo soa usanza sonà la canpanela per segno, e tuti li frari insenbre con gran silenzio se levà su da tola e andà innanti li santi abadi infina la gliesia e driedo eli sì andava li santi abadi, zoè san Brandan e l'oltro. Intrando dentro la gliesia, vene xii altri frari incontra questi de fuora e inzoneglàse zoso in tera allegramente dananti li abadi; e quando san Brandan vete questi frari, sì dise cusì: "O abado, perché non manzà con nu' questi frari?". Ed elo respose in questo muodo: "Eli no 'nde manzà per una casion ch'eli non podeva star a tola con nui, ma mo' eli anderà a manzar e vigneràli dado quelo che serà plaser de Dio e nu' intreremo in gliesia e canteremo besporo, a casion che questi frari, che va a manzar, canta anch'eli besporo driedo nui".

E quando fo cantado besporo, san Brandan comenzà pensar e dir e veder o' che iera fata la gliesia e vegando ch'ela iera quara da ogna parte, e tuti li alt(a)ri, vasieli, orzuoli e li càlesi de la gliesia, tute queste cose iera de cristalo clarisimo. Li stali da seder intorno la gliesia s'iera xxiiii e lo luogo de lo abado s'iera in mezo de li do cuori de li frari e iera 'nde vii luminarie, le qual ne fo adute fin lo comenzamento: e le tre stava ad alto dananti l'oltar mazor e le altre quatro iera partide in do parte, zioè do dananti da ziascun de li altari, e vedeva che li alt(a)ri iera de claro cristalo. E l'ofizio comenzà l'abado tute fiade, e puo' uno cuoro diseva a l'altro cuoro devotamente, e diseva l'altro, e nesun comenzava algun canto se no l'abado e nesun de li frari non osava insir de la gliesia senza lizenzia de lo abado e voiando insir de gliesia per alguna soa besogna, elo scriveva suso una tola de zera quelo che li besognava a far e puo' lo mostrava a l'abado et ello li dava parola. E sì viti che nesun non aveva ardir de far bósie nì algun clamor per lo luogo e se algun voleva saver alguna cosa o tuor conseio, si tegniva questo muodo insteso con lo abado.

E così menando lo dì, lo abado de lo luogo dise: "Lo è ora de andar a zena fin ch'elo è claro dì". E andà in refituorio, e ave a zena pan e radise e bevè aqua. E abiando zenado, eli andà a cantar conpleta; e como lo abado ave comenzado: Deus in adiutorium meum intende e tuti quanti se inclinava in zonegloni e feva onor a la Ternitade. Eli comenzà questo verso: Iniuste egimus, iniquitatem fecimus: tu autem qui pius es pater nobis, domine (parce nobis); in pace in id ipsum dormiam et requiescam, quoniam tu, domine, singulariter in spe constituisti me. E driedo queste cose cantava l'ofizio per ordene, e como elo fo conplido tuto l'ofizio de cantar e de dar la benedizion, lo abado e tuti li frari insì fuora de la gliesia e ziascun andà a la so zela e ziascun de li frari de lo luogo sì tolse in so conpagnia con si uno de li frari forestieri e lo abado de lo monestier sì tolse in so conpagnia l'abado Brandan e romase in la gliesia per volerli mostrar como Dio feva inpiar le lume in gliesia. E stete la note inn-orazion, defina che la gliesia fo aluminada, con silenzio e umilitade e puo' dise l'abado: "Lo è ben otanta ani ch'io son in questa isola abado per far penetenzia, e mè no 'nde fo alguna persona se no vui con li vostri conpagni. Verò è che nui aldemo bósie d'omeni con nui cantar, quando nui cantemo lo loldo de lo maitin; e nui semo xxiiii frari in questo luogo e nesun de nu' parla la setemana se no con insegne de le dede de le man e de li ochi, 'zeto le feste, driedo disnar fin a besporo e non plui. E nesun de nui se inferma nì durà alguna pasion nì alguna paura de algun spirito, che va de qua e de là e tal fiada, da che nui fosemo in questo luogo". E san Brandan dise: "A nui plaseria ben star qua uno ano". Ed elo respose: "Nonn-è a vui lizita cosa in questo luogo, inperqu'elo nonn-è plaser de Dio. Non ve recorda ch'io ve fi revelar per quelo che ve besognava far, anzi che vui vignise qua in questo luogo? Sapié ch'elo ve besogna tornar indriedo a lo vostro luogo con xi frari o' che Dio v'aprestà lo luogo de la vostra sepoltura, e sapié ch'el è con vui do frari li qual romagnerà in lo viazo: l'un romagnerà in una isola, che à nome Anacorita, e l'altro morirà a mala morte e serà condanado a le pene de l'Inferno".

E parlando cusì belamentre enfra si, elo vene una saita de fuogo, vegando eli, per una fenestra e andà inpiando tute le candele de la gliesia che iera dananti li altari, e puo' tornà fuora incontinente e queste candele romase inprese da una flama de fuogo molto clara. E puo' san Brandan lo domandà chi studiava le candele e como ele se studava le candele da doman. Et elo li dise: "Pare, vegni a veder questo miracolo con mi". Et andà in conpagnia apreso le candele e vete dentro, e non iera entro niente se no la flama in mezo, zoè nì oio nì aqua nì stopin nì flama, onde elo vete ben che questo fuogo iera spiritual e non corporal. E 'l santo li dise: "Como può arder corporalmente chela cosa che no à corpo? Spiritual criatura non è visibele a le corporal, e questo se sa per l'anema, ché lo corpo non la può veder". E lo santo abado sì li respose così digando: "Mo' non avé-vi leto intro la Bibia che quando Dio vene a Moise su lo monte Senai, ch'è inn-Armenia, per casion de parlarli, quela selva de le spine pareva tuta arder e si à vezudo la flama molto da lutan la note, e da doman non se trovava alguna cosa e de zo men, nì algun segno de fuogo?".

E siando vegnudo lo dì e non abiando miga dormido la note, elo fo cantado la mesa ordenadamente, e lo abado Brandan fe vegnir li suo' conpagni e domandà lizenzia, voiandose partir da lo luogo. Ed elo li dise quelo abado vetran cusì: "A vui non è lizita cosa a doverve partir, inperché vui dové far con nui lo Nadal e tute le feste de lo signor Dio defina la otava de la Befania". E como lo ave questo dito e san Brandan romase in lo luogo con li prediti frari e per cotanto tenpo in quela isola de la fameia de lo abado Albeo. E siando pasado tute le feste e abiando rezeudo la vituaria in nave e la benedizion e lo conbiado da queli frari santi, san Brandan intrà in nave con li suo' conpagni e fe levar la vela e volzer la nave a lo ponente.

E questa nave, dapuò ch'ela fo partida dal porto, o sia per lo navegar o sia per la vela, ela andava mo' in qua, mo' in là; e cusì andà fazando fina la Quaresema e non saveva o' ch'eli fose.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/14&oldid=42486"