Navigatio Sancti Brendani/01

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Navigatio Sancti Brendani
(versione veneta)
I
traduzion in volgare veneto del '400 del Manoscritto d'Alençon, testo latin del X-XI secolo
XV secolo
Edission e fonte ▼ II  →

Misier sen Brandan, fiolo de Sinlochia, nievo de Alchi, de la sciata de Cogni, de la partida de una contrada che à nome Stagno, si nasiè in Tumeneso, e fo omo de gran penetenzia e de astinenzia e de molte vertude e fo abado de mmm munegi o cerca ziò. Elo siando in so penetenzia et in uno luogo de uno monestier, che se dise salto de la vertù de Bre[n]da[n], et una fiada avene che in l'ora de besporo li sovravene uno santo pare e munego, lo qual aveva nome Barinto e iera so nievo. E lo dito sen Brandan lo domandà de molte cose, voiando saver da lui novele, ziò (e o') ch'elo iera stado e s'elo aveva vezudo e sentido alguna cosa strania. E stagando in queste parole devotamente, dito Barinto comenzò a lagremar e gitarse in tera e asè stete cusì devoto in orazion. Elo siando sì como trasandado, san Brandan lo prese e levàlo suso e basiàlo digando cusì a lui: "O pare, perché es-tu stado cusì tristo e cusì perdudo? Credes-tu che nui siemo grami de lo to avinimento? Tu pò ben saver che nui avemo alegreza granda de lo to avinimento, e perzò deves-tu dar alegreza a tuti nui e mostrarne consolazion e far careze a li frari de questo luogo. Plaquate de dirne qualque bona parola de Dio a pasier le nostre aneme de li diversi miracoli che tu à' vezudi in le parte de lo mar Ozian o' che tu è' stado".

E in quela fiada, quando fo dito queste parole, lo dito abado Barinto sì comenzà a dir parole de una isola e dise: "Lo fio mio Menoe è percurador de li poveri de Cristo; elo fuzì da mi e, non voiando star con mi, volse star solitario. E andando trovà una isola a pruovo una (montagna) che à nome Lopisile, la qual isola si è molto morbeda e deliziosa, e là stete un gran tenpo. E driedo quelo tenpo a mi fo dito ch'elo aveva molti munesi soto de si e Dio per lui sì mostrà molti miracoli e cose stranie. E io andiè per vederlo, e siando là da pruovo elo vene là da mi per spazio de tre dì con li suo' frari e per questo [io so] che Dio li revelà lo mio avenimento. E 'l nostro andar s'iera per nave, e andando nu' per nave in quella predita isola, da diverse parte ne vene incontra molti munegi vestidi de diverse vise, e iera plui spesi in le so conpagnie che non è le ave da la miele, et ancora el' iera de diverse parte e de diverse vestimente, el' iera tuti boni e savii in una fe' e in una speranza e in una caritade, e aveva una gliesia in la qual eli s'asunava a l'ofizio de Dio, e non manzava altra cosa se no pan e nosie e radise de arquante erbe. E questi frari abiando cantado la conpleta devotamente in la gliesia eli si andà en le so zelete, e ziascun sì aveva la soa e steva in orazion infina primo sono, e quando li gali aveva cantado, eli se conzava a posar. E nui cercasemo tuta la isola et io vini a tanto che questo mio fiolo me menà a lo lido de lo mar contra ozidente o' iera la nave soa e dise a mi: 'O pare mio, monté in nave e navegemo inver levante, a ziò che nui posemo andar a quella isola là, che vien dito tera de promision de li santi, la qual devemo dar a li nostri suzesori driedo nui'.

"E montando nui su la nave e navegando, sovravene nuvole che ne covrì da ogni parte e sì fortemente che apena che quelli de pope 'nde podea veder da proa, e questa tenebria durà per lo spazio de una ora. E pasando questo caligo, sovravene una gran luse, e parète a nui de veder una tera spaziosa e plena de preziose erbe e de flori e de molti fruti, sì como belli pomeri ben cargadi de pome e de altre maniere de frute asè. E la nave se 'nde andè a lo lido e là stete, e in quella fiada nui desmontase(mo) de la nave in tera e conmenzasemo andar in qua e in là per quella isola in lo spazio de xv dì, e non podesemo trovar cavo nì fin, e non iera erba senza flori nì albori senza fruti, e per tera s'iera molte piere preziose de asè maniere de colori belli; e in cavo de quelli xv dì nu' trovasemo uno gran flume, oltra lo qual non parea via nesuna, mo parea (volzer da) lo levante a lo ponente. E nu' stagando cusì e vegando tute queste cose, nui non savevemo che far, e plasète 'nde de pasar questo flume, e stagando là aspetasemo lo conseio de Dio, e abiando ordenado enfra nu' queste cose, sì 'nde aparete uno omo dananti molto bello e luseva tuto, lo qual sì ne saludà e menzonàne tuti per nome e puo' dise cusì: 'O servi de Dio, che se' omeni frari, vui sié i ben vegnudi; alegréve e confortéve seguramentre, che in veritade misier Domenedio sì ve à conduti qua e ave mostrado per gran grazia questa tera, e (si è) quella tera che vui andavi zercando, e diela dar a li suo' santi. E devé saver che quella mitade si è de qua o' che vui se' e l'altra mitade si è oltra questo gran flume, che vui volé pasar, e a Dio non plase che andé plui avanti, onde portévelo in pazienzia e voié tornar indriedo onde vui se' vegnudi'.

"E como ello ave dito cusì, uno de quelli frari lo domandà onde ello iera e como ello aveva nome. Ello li dise: 'Ti, perché me domandi donde io son e como io nomo? Lasa star quello che tu dis e puo' me domanda de questa isola e farà' meio, e se tu lo vol saver, varda ben per tuto, e cusì como tu la vedi mo', e cusì è stada fin lo conmenzamento del mondo. Or me di': besògnate manzar nì ber né vestir? Sepi ch'elo è cusì la veritade como io te dirò: tu non à' fame nì sede nì te besogna vestimente nì dormir. Ello è ancuò uno ano che tu e' in questa isola con li tuo' conpagni e non a' manzado nì beudo nì (e' stado) agrevado de sono nì a' vezudo vegnir note, mo par dì. Mo' sepi che in questo luogo nonn-è mai note, mo senpre si è claro e mai no 'nde pluove nì no 'nde par nivola che turba l'aiere, e mai non se 'nde à fame nì sede nì sono nì infermitade, nì non incresie de star, nì nonn-è grameza de alguna cosa, nì se può algun invegir nì morir. E la gran luse è qua, et ella nonn-è de sol nì de luna nì de stelle, mo si è de lo preziosio Dio nostro Signor, dal qual nasie tuti li beni e tute le grazie e tute le luse; et ave fato ben gran grazia, e puochi è quelli che sia degni de aver questo che vui avé vezudo e sentido'. Et abiando quello cusì dito, incontinente se conmenzà de volerse partir e dise: ' 'Nde partìve de qua, ch'io sì vignerè con vui a lo lido o' è la vostra navesela'. E siando zonto a lo lido, nui sì intrasemo in la nave e questo omo non aparse plui.

"E conmenzasemo a navegar e in pizola ora elo ne vene ancora tal caligo e tenebre como vene l'altra fiada e duràne per spazio de una ora; e pasando, nu' trovasemo l'isola deviziosa de cotanti flori e albori, e tanto navegasemo a la ventura de Dio che nu' trovasemo li nostri frari, li qual ne aveva aspetadi con gran desiderio de vederne e ave granda alegreza de lo nostro avinimento, e de zo che nui ieremo stadi cotanto elli aveva planto asè e fati molti pensieri e aveva dito asè parole, onde elli iera stadi in grieve pena per lo aspetar che elli aveva fato, lo qual iera stado uno ano e dì xviii. Puo' comenzà a dir: 'O signori nostri e pari nostri, vui se' andadi e se' stadi cotanto; mo perché ne lasé-u senza retor in questa selva scura, sì como omeni eradegadi? Nui savemo ben che misier l'abado nostro spese fiade se suol partir e va in alguna parte solo, nì no savemo o', nì como lonzi; e ben suol star uno mese a la fiada e tal fiada do setemane e tal fiada pur una e tal fiada men, e puo' torna salvo e sano. Mo' si è stado soperchio, e nonn-è da meraveiarse se nui semo stadi grami e pensarosi'. Et io, abiando cusì oldido e inteso li frari, sì li conmenziè a confortar digando: 'Carisimi mie' frari, non inpensé de zo alguna cosa se no de ben. Vui se' in bon luogo e la vostra conversazion si è puoco lonzi da la porta de lo Paradiso che Dio plantà in questo mondo; sapié ch'el è qua da pruovo quela isola preziosa, che vien apelada tera de promision de li santi, e in questa isola sì nonn-è mai note nì non se fenisie lo dì e senpre 'd'è luse e l'aiere seren là e i oseleti che non cala dolzementre de cantar la primavera, l'erbe si è in flori de ogna natura, li albori si è tuti cargadi de li so' flori e fruti. Là non se à mai fame nì sede nì doia de cavo nì grameza nì inpensieri de alguna cosa, tanto è l'alegreza e la consolazion, e mai non recresie a star là. E in questa isola va speso l'abado [Mernoc], questo mio fiolo in Cristo e conpagnon, e trovà lui la via de questo prezioso luogo; e devé saver che uno agnolo de Dio, meraveioso da veder, sì varda questa isola e no 'nde può andar nesun senza lizenzia'. E puo' li dise: 'Mo' non cognosé-u per l'odor de le nostre vestimente che nui semo stadi in Paradiso?'. E in quela fiada li frari sì respose digando: 'O abado, nui avemo ben sapudo che per quello odor e per altro che vui se' stadi in bon luogo; volentiera vosemo da vui saver o' è questo Paradiso; nui non lo savemo e disemove cusì che ben à durado xl dì l'odor de le vostre vestimente, quando vui se' tornadi donde se' vegnudi'. E ello sì li dise ch'elo iera stado in quello luogo cusì prezioso per lo spazio de do setemane con lo mio fiol Menoe senza manzar e senza ber e senza dormir; e ieremo sì aliegri e sì consoladi de zo che nui vedevemo, che nui ieremo sazii e pleni, como nui avesemo manzado cose a nostra voia. E siando pasado li XL dì e abiando rezeudo la benedizion de li frari e de lo abado Menoe, io me son retornado con li mie' frari indriedo per dover tornar a la zela mia, a la qual io doveva andar la doman".

E abiando oldide queste cose, sen Brandan con tuta la so conpagna se gità in tera loldando misier Domenedio e dise: "Loldà sia misier Domenedio in tute le so vie, perch'ele è santo in tute le so ovre, che à revelado a li suo' servi tute cose e cotal meraveie; e sia benedeto de le suo done, le qual ne à ancuò apasudo de cotal pasture spiritual e de cotal bevanda". E, abiando fenide queste parole, san Brandan sì dise a li so' frari: "Andemo a manzar segondo nostra usanza cose corporal". E cusì fo fato; e siando quela note pasada e abiando tolta la benedizion de li frari, da doman san Brandan andà a la zella soa e lasà andar via so nievo Berinto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Navigatio_Sancti_Brendani/01&oldid=42473"