Le morbinose/Atto primo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  PERSONAGGI Edission e fonte ▼ SECONDO ATTO  →

SCENA PRIMA[canbia]

Camera in casa de sior Luca.
Siora Marinetta che se conza la testa, Tonina che la serve.


MARINETTA:
Via, conzème pulito, che voggio parer bon.
TONINA:
Cara siora parona, se la xe bella, in ton,
Proprio che la fa voggia.
MARINETTA:
Eh via, no me burlè.
TONINA:
Eh, sti musi no i falla.
MARINETTA:
Che morbin che gh'avè.
Dè qua un poco de polvere.
TONINA:
Subito, son qua lesta. (Le dà la polvere.)
MARINETTA:
Deme quel fior de penna, che me lo metta in testa.
TONINA:
La servo. Xelo questo?
MARINETTA:
Questo. Me stalo ben?
TONINA:
Pulito. Ghe ne vorla un da metter in sen?
MARINETTA:
Sì ben, deme un garoffolo.
TONINA:
Vardè che bon sestin!
MARINETTA:
Pàrio bon co sti fiori?
TONINA:
La me par un zardin.
MARINETTA:
Xelo levà sior pare?
TONINA:
Nol xe levà gnancora.
MARINETTA:
Sior àmia?
TONINA:
Oh, la xe suso, che sarà più de un'ora.
La xe anca ella al specchio. Ho spionà da un busetto
Della porta, e l'ho vista, che la se dà el sbeletto.
MARINETTA:
Vardè che vecchia maga, andarse a sbelettar!
TONINA:
Povera putteletta! la se vol maridar.
MARINETTA:
Sì ben, de sessant'anni.
TONINA:
Sessanta?
MARINETTA:
Anca de più.
TONINA:
Dasseno? eppur la xe più in grìngola de nu.
MARINETTA:
I batte.
TONINA:
Vago a véder.
MARINETTA:
Se xe el sartor, tirè.
TONINA:
Gh'ala ordenà qualcossa?
MARINETTA:
Vederè, vederè.
Voggio far magnar l'aggio a più de qualcheduna.
TONINA:
Per diana, de sto gusto no ghe ne xe nissuna.
Che le se metta intorno tutto quel che le vol,
In materia de questo nissuna no ghe pol.
Anca se le se veste d'oro da cao a piè,
In fazza alla parona le deventa scarpie.
Per comparir, a ella ghe basta una strazzetta,
E la sta ben con tutto. Oh sìela benedetta! (Parte.)

SCENA SECONDA[canbia]

Siora Marinetta, poi Tonina che torna.

MARINETTA:
Tonina me vol ben, ghe vôi ben anca mi.
Per questo, poverazza, la me loda cussì.
Da resto, no son orba vedo, cognosso e so
Senza presumer gnente, quel che gh'ho e che no gh'ho.
TONINA:
Sala chi xe?
MARINETTA:
Chi xe?
TONINA:
Siora Felice.
MARINETTA:
Eh via.
A st'ora?
TONINA:
Cossa dìsela? A st'ora la vien via.
MARINETTA:
Che la vegna. Sentì. Sbattè la cioccolata.
TONINA:
Bisogna che la fazza no ghe ne xe de fata.
Ghe ne giera do chiccare, e la se l'ha bevua
Tutta quanta za un poco quella vecchia monzua. (Parte.)

SCENA TERZA[canbia]

Siora Marinetta, poi siora Felice.

MARINETTA:
Gramazza, la procura de mantegnirse in ton.
FELICE:
Marinetta, ghe seu? (Di dentro.)
MARINETTA:
Sì, vita mia, ghe son.
FELICE:
Cossa diseu, co presto che ve vegno a trovar?
MARINETTA:
Mo sè brava dasseno. Me fe strassecolar.
So che al festin sè stada assae dopo de mi.
FELICE:
Se ghe son stada? e come! ho ballà fin a dì.
MARINETTA:
Sarè stracca. Sentève.
FELICE:
Sentémose un pochetto.
MARINETTA:
Disème: aveu dormio?
FELICE:
No ho gnanca toccà letto.
Cussì co me vedè, a casa son andada.
Mio mario ronchizava, e mi me l'ho sbignada.
MARINETTA:
Gh'averè sonno.
FELICE:
Gnente. Mi no son scamoffiosa.
Tornerave a ballar fresca co fa una riosa.
MARINETTA:
Anca mi saria stada fina al fin della festa,
Ma savè che a sior'àmia ghe doleva la testa.
Son vegnua via per ella.
FELICE:
Dòrmela? cossa fala?
MARINETTA:
La xe in te la so camera, che la se mette in gala.
FELICE:
Oh che cara Silvestra! la xe una maraveggia.
Perché no stala a casa? nissun no la conseggia?
Toccaria a so fradello a farghe far giudizio.
MARINETTA:
Gramo ello se el parla! Nasseria un precipizio.
FELICE:
L'aveu vista giersera sta vecchia stomegosa,
Che co sior Ferdinando la fava la graziosa?
MARINETTA:
Se l'ho vista? ve zuro, che me vegniva mal.
FELICE:
La zente se n'ha incorto i ha fatto un carneval.
E quel caro foresto la toleva per man.
MARINETTA:
Certo sior Ferdinando xe un bravo cortesan.
El fa el bello con tutte. Con tutte el xe el medemo.
Ma se me salta in testa, voggio che lo burlemo.
FELICE:
Sì, per diana de dia. Burlemolo un pochetto.
Femo co sto foresto un tantin de chiassetto.
Za xe de carneval, se se pol devertir.
Basta far cose oneste, che no daga da dir.
MARINETTA:
Scrivemoghe una lettera piena de tenerezze,
Lodando el so gran merito, la grazia e le bellezze,
Senza che el sappia gnente la donna chi la xe.
La lettera bollada mandemola al caffè.
Lassemo che el ghe pensa, che el traga a indivinar
E dopo inmascherémose e andémolo a burlar.
FELICE:
Sì ben. Bisognerave far qualcossa de più.
Far creder spasemada per ello una de nu,
Tegnirlo un bon pezzetto su le bacchette, e po
Far che el se scoverzisse burlà da tutte do.
MARINETTA:
Lassème far a mi. No ve indubitè gnente.
Vago a scriver la lettera.
FELICE:
Me par che vegna zente.
MARINETTA:
Fermève qua, Felice. Subito vago, e vegno.
Gh'ho un'altra cossa in testa. Se riderà, m'impegno. (Parte.)

SCENA QUARTA[canbia]

Siora Felice, poi Tonina.

FELICE:
Certo che Marinetta la xe una cara mata.
Vôi che se la godemo.
TONINA:
Vorla la cioccolata?
FELICE:
Sì ben, cussì de drento me scalderò un pochetto.
TONINA:
La prego a perdonar, cossa fa sior Zanetto?
FELICE:
Mio marìo?
TONINA:
Siora sì. Stalo ben?
FELICE:
El sta ben.
Lo cognosseu?
TONINA:
No vorla? xe un pezzo che nol vien.
Mo via, che la ghe diga, che el ne vegna a cattar.
El xe el più caro matto, che se possa trovar.
FELICE:
Mio mario xe un bel matto? Brava, sè ben curiosa.
TONINA:
Digo cussì per dir. Zela fursi zelosa?
FELICE:
Se poderave dar, che avesse zelusia
De qualche altro soggetto, ma de vu no, fia mia.
TONINA:
Certo che de mi no, perché se sa chi son
Daresto...
FELICE:
El vederessimo cascar a tombolon.
TONINA:
Ghe n'è cascà dei altri.
FELICE:
Dasseno?
TONINA:
Sì dasseno.
FELICE:
Vardè. Dalla paura mi stassera no ceno.
TONINA:
La burla a pian, patrona se fusse una de quelle...
Da sior Zanetto Trìgoli ghe n'ho sentio de belle.
FELICE:
Cara vu, feme rider.
TONINA:
Songio la so buffona?
FELICE:
Propriamente ve godo.
TONINA:
Ghe 'l dirò alla parona.

SCENA QUINTA[canbia]

Siora Marinetta e dette.

MARINETTA:
Cossa xe stà, Tonina?
TONINA:
Gnente.
FELICE:
Ve dirò mi.
TONINA:
Via, no la fazza scene.
FELICE:
La m'ha dito cussì,
Che Nane mio marìo...
TONINA:
Che bisogno ghe xe?
MARINETTA:
Via, parlè con rispetto, e no ve imusoné.
Dèghe a Beppo sta lettera, e che el la porta presto
Da quello dalle acque, all'insegna del Cesto.
TONINA:
Siora sì. (Ingrugnada.)
MARINETTA:
Ca de diana, che no vôi sti musoni.
TONINA:
(Se sta siora me stuzzega!). (Da sé.)
MARINETTA:
Cos'è sti brontoloni?
FELICE:
Eh, lassè che la diga.
MARINETTA:
Mandè via quella lettera.
TONINA:
(Voi che la me la paga sta signora etecetera). (Da sé, parte.)

SCENA SESTA[canbia]

Siora Marinetta e Siora Felice.

MARINETTA:
Cossa diavolo gh'ala?
FELICE:
Sentì che strambaria
La crede che de ella mi gh'abbia zelusia.
Mio marìo xe un mattazzo, ghe piase de burlar,
E sta sporca la crede de farlo innamorar
Sentì, per causa vostra ho sopportà e ridesto.
L'ho trattada da matta, no gh'ho badà daresto...
MARINETTA:
Cara vu, compatila. Orsù, ho fatto pulito.
Ma che boccon de lettera che a Ferdinando ho scritto!
Ma perché el mio carattere no dasse qualche indizio,
Ho fatto che sior'àmia me fazza sto servizio.
Ella che me vuol ben, senza difficoltà
La m'ha scritto la lettera, come mi gh'ho dettà.
Se sentissi che roba! che amori, che parole!
M'impegno, col la leze, el va in acqua de viole.
E per meggio burlarlo, sentì quel che ho pensà:
Gh'ho scritto che l'incognita in maschera anderà
E acciò che el la cognossa senza nissun sospetto,
La gh'averà un galan color de riosa al petto.
Femo cussì, Felice, per farlo taroccar
Con un galan compagno andemo a spazzizar.
Veli qua tutti do. Pontémoseli al sen.
Vôi che femo la scena, come che va.
FELICE:
Sì ben.

SCENA SETTIMA[canbia]

Siora Lucietta, siora Bettina e dette.

LUCIETTA:
Ghe xe nissun?
FELICE:
Sentì. (A Marinetta.)
MARINETTA:
O per diana de dia,
Xe qua siora Lucietta co Bettina so fia.
FELICE:
Mo za, la fia e la mare tutto el zorno a rondon.
MARINETTA:
Vegnì avanti, Lucietta.
FELICE:
E sì no le par bon.
LUCIETTA:
Patrona. (A Marinetta.)
MARINETTA:
Oh oh patrone. Che bon vento?
BETTINA:
Patrona. (A Marinetta.)
MARINETTA:
Patrona, fia. (A Bettina.)
FELICE:
Patrone. (A Lucietta e Bettina.)
LUCIETTA:
Oh qua la xe? Patrona. (A Felice.)
MARINETTA:
Sè in maschera a bon'ora.
LUCIETTA:
Cossa diseu? mia fia
La dise che debotto el carneval va via.
St'anno el xe tanto curto...
BETTINA:
L'è debotto fenio.
Se no se ne tolemo...
LUCIETTA:
E mi ghe vago drio.
MARINETTA:
Sentève.
BETTINA:
Eh, no son stracca.
FELICE:
Avè tanto ballà.
BETTINA:
Ballerave anca adesso.
LUCIETTA:
Via, sentémose un fià. (Siede.)
BETTINA:
Stassera ghe tornémio?
MARINETTA:
Nualtre ghe tornemo.
BETTINA:
La diga, siora mare, nu gh'anderémio?
LUCIETTA:
Andemo.
Mi savè che no ballo, ma me deverto assae.
Quante scene giersera che ho viste e che ho notae!
FELICE:
Mo za chi no fa gnente, nota tutte le cazze.
LUCIETTA:
Cossa diseu de Beppa? Ah? mo che gran cossazze!
Che abiti! che zoggie! Come diavolo fala?
BETTINA:
E con tutti i so abiti, mo co mal che la bala!
LUCIETTA:
Cara ti, cossa serve? se no la bala ben,
La fa meggio le carte con chi va e con chi vien.
MARINETTA:
Mi la me stomegava con quei so complimenti.
FELICE:
E pur, co la parlava, tutti ghe stava attenti.
LUCIETTA:
Mo no fala da rider? Vardè come la fa.
Sior Conte, devotissima. La se comoda qua.
Son un poco stracchetta ballerò adessadesso.
La me tegna sta véntola. Grazie, con so permesso.
MARINETTA:
Brava, brava, Lucietta l'imitè a perfezion.
FELICE:
E Lugrezia Malsesto che stava in quel canton?
LUCIETTA:
Mo quella... la gh'aveva... basta, za me capì.
Saverè, Marinetta.
MARINETTA:
Mel voleu dir a mi?
So tutto...
BETTINA:
De Lugrezia che novità ghe xe?
Se marìdela fursi?
LUCIETTA:
Via, via, vu no gh'intrè.
Ghe giera... (Piano a Marinetta.)
MARINETTA:
Quell'amigo. (Piano a Lucietta.)
FELICE:
Contème. (Piano a Lucietta.)
LUCIETTA:
Quel marzer. (Piano a Felice.)
FELICE:
La vorlo tor? (Piano a Lucietta.)
LUCIETTA:
Seu matta? se el gh'ha un'altra muggier. (Piano a Felice.)
FELICE:
Cossa che me contè!
BETTINA:
Siora mare, vien tardi.
LUCIETTA:
Cossa vol dir, patrone, quei galanetti sguardi?
MARINETTA:
I xe all'ultima moda. Ghe ne voleu?
LUCIETTA:
Mi sì.
MARINETTA:
Ve ne posso dar uno.
BETTINA:
Siora Marina, e mi?
MARINETTA:
Uno anca a vu, sì ben.
FELICE:
Oe digo, Marinetta... (Le fa un cenno.)
MARINETTA:
Eh sì, sì, v'ho capìo lasso che le se i metta
LUCIETTA:
Cara siora Felice, cossa gh'aveu paura?
BETTINA:
No me par che sta moda la sia una cargadura.
Un poco de galan...
FELICE:
Cossa m'importa a mi?
LUCIETTA:
Se le lo porta elle, el se convien più a ti.
MARINETTA:
Sì ben, tutte d'accordo. Me vago a inmascherar.
Parecchio el galanetto, e vel vegno a portar.
FELICE:
Oe, sentì, Marinetta...
MARINETTA:
(So quel che volè dir.
Lassème far a mi, che me vôi devertir). (Parte.)

SCENA OTTAVA[canbia]

Siora Felice, siora Lucietta e siora Bettina.

FELICE:
(Sì, sì, de Marinetta capisso l'intenzion.
Ma no vorria che in tante se fasse confusion.
Elle no le sa gnente).
BETTINA:
La diga, xela andada
Gnancora alla commedia?
FELICE:
Sì ben, che ghe son stada.
LUCIETTA:
Che commedia aveu visto?
FELICE:
No so, non ho capio.
So che no la m'ha piasso, e per questo ho dormio.
BETTINA:
Non la giera da rider?
FELICE:
Gnente, fia mia, ma gnente.
Mi no so come diavolo ghe fusse tanta zente.
No se sentiva altro che a zemer e a criar
Diavoli co la barba, che fava inspiritar.
M'ha fatto un imbriago rider un pochettin.
Ma mi za no gh'ho gusto, co no gh'è Truffaldin.
BETTINA:
E mi son stada a quella de quei do brutti nasi.
No la m'ha piasso un bezzo.
LUCIETTA:
Se in palco no ti tasi!
Come t'ala da piàser, se ti fa sempre chiasso?
BETTINA:
Mi, siora, alla commedia vago per aver spasso.
Cossa m'importa a mi, che i altri diga evviva?
Mi, co no rido assae, digo che l'è cattiva.
LUCIETTA:
Ti ha pur ridesto a quella delle contradizion.
BETTINA:
Mo se ho ridesto a quella, ho abù le mie rason.
Sentindo a contradir le cosse cussì chiare,
Me pareva sentir sior pare e siora mare.
LUCIETTA:
Varè là che frascona! cussì ti parli? e ti
No ti sa contradir?
BETTINA:
Rideva anche de mi.
FELICE:
Certo l'ho sentìo a dir; tutti i nostri difetti
I li mette in teatro. Vardè che maledetti!
LUCIETTA:
Sì ben, co la commedia del Ricco insidiato,
Che diavolo no hai dito, che diavolo no hai fato?
Basta, me xe stà dito de una mare e una fia...
Che no i me tocca mi, che per diana de dia...
Manco mal che l'ha abù poco applauso. So danno.
BETTINA:
Però i ha fatto ben i comici sto anno.
I ha fatto ressaltar le Vedoe spiritose.
FELICE:
Stago a véder che i fazza le Donne morbinose
Se i la fa, vôi che andemo, e se i ne tocca nu,
Voggio che i ne la paga, e che ghe femo bu.

SCENA NONA[canbia]

Siora Marinetta in maschera, e dette.

MARINETTA:
Son qua, tolè, Lucietta: anca vu, fia, tolè.
Pontève sto galan. E po andemo al caffè.
LUCIETTA:
Bisogna che gh'abbiè bottega de galani.
MARINETTA:
Gh'ho sta cordella in casa, che xe più de do ani.
L'ho taggiada alla presta, presto li ho fatti su.
BETTINA:
Dove vorla che andemo?
MARINETTA:
Gnente vegnì con nu.
BETTINA:
Non avemio d'andar da sior santolo orése?
LUCIETTA:
Ghe passemo davanti.
FELICE:
Voleu far delle spese?
LUCIETTA:
Mia fia vuol una cossa.
BETTINA:
Vôi scambiar sto aneletto.
FELICE:
Lassè véder. Co bello!
BETTINA:
El me xe un poco stretto.
FELICE:
Marina.
MARINETTA:
Cossa gh'è?
FELICE:
(Sentì sto caso bello.
In deo de Ferdinando ho visto quell'anello). (Piano.)
MARINETTA:
(Che el ghe l'abbia donà?)
FELICE:
(Giersera su la festa).
MARINETTA:
(Gnente, lo goderemo).
LUCIETTA:
Che cerimonia è questa?
Cossa parleu in secreto?
FELICE:
Gh'avemo un interesse.
LUCIETTA:
(No vorria dell'anello, che le se n'incorzesse.
A far che le lo veda, l'ha fatto mal mia fia). (Da sé.)
MARINETTA:
Via, se volè che andemo, mettemose alla via.
BETTINA:
Passemo dall'orése, e po dove se va?
MARINETTA:
Nu saremo al caffè; ve aspetteremo là.
FELICE:
La pol andar avanti.
BETTINA:
Andemo, femo presto.
LUCIETTA:
A qual caffè sarale?
MARINETTA:
All'insegna del Cesto.
LUCIETTA:
Ben ben, se catteremo.
BETTINA:
(Gh'averia più piaser,
Se invece de ste maschere ghe fusse el forestier). (Da sé, e parte.)
LUCIETTA:
Sentì, ve lo confido a mia fia l'aneletto
Ghe l'ha dà el so novizzo, ghe l'ha dà Bortoletto.
Ma no vôi che el se sappia, fin che no vien quel dì
No voggio che se diga... Sioria, za me capì. (Parte.)

SCENA DECIMA[canbia]

Siora Marinetta e siora Felice.

FELICE:
Cossa diseu, che mare?
MARINETTA:
Che sia la verità?
FELICE:
Oh, ghe l'ha dà el foresto, quanto che mi son qua.
MARINETTA:
Se lo sa Bortoletto?
FELICE:
Disème, cara vu,
Perché co sti galani le feu vegnir con nu?
MARINETTA:
Per rider. Vegnì via, che ve dirò per strada
Quel che avemo da far.

SCENA UNDICESIMA[canbia]

Silvestra e dette.

SILVESTRA:
Mia nezza inmascherada?
MARINETTA:
Oh, sior'àmia, patrona.
FELICE:
Patrona cossa fala?
SILVESTRA:
Stago ben, per servirla. La diga, dove vala? (A Marinetta.)
MARINETTA:
Vago un pochetto a spasso. Tornerò a mezzodì
Vorla gnente, sior'amia?
SILVESTRA:
Vôi vegnir anca mi.
FELICE:
In maschera anca ella? La se anderà a straccar.
SILVESTRA:
Credeu che mi no sia bona da caminar?
Me fe giusto da rider. Ànemo, siora sì,
Se andè in maschera vu, vôi vegnir anca mi.
FELICE:
(Cossa avémio da far co sta vecchia taccada?)
MARINETTA:
Andemo in t'un servizio. (A Silvestra.)
SILVESTRA:
Vardè che baronada!
Semo de carneval, debotto el xe fenio.
Tutti ha d'andar in maschera, e mi ho da star indrio?
FELICE:
Anderemo stassera anderemo a ballar.
SILVESTRA:
No no, se va mia nezza, a casa no vôi star.
FELICE:
Cossa gh'ala paura? con mi la pol vegnir.
Son donna maridada. No ghe xe da che dir.
SILVESTRA:
Mi no digo de andar per farghe compagnia
Se mia nezza xe putta, son anca mi una fia.
E se gh'ho qualche anetto de più de Marinetta
In canton colle vecchie no vôi che se me metta.
FELICE:
(Mi no la vôi seguro). (Piano a Marinetta.)
MARINETTA:
Sior'àmia in verità:
Vago in t'un servizietto, e subito son qua.
SILVESTRA:
No me volè, frascona? Vegnirè un'altra volta
A far che mi ve scriva le lettere.
MARINETTA:
L'ascolta...
Mo no la vaga in collera. Sior'àmia, la sia bona.
SILVESTRA:
Coi galanetti sguardi?
MARINETTA:
Vorla? la xe patrona.
SILVESTRA:
Sì, sì, gnanca per questo... via, pontèmelo al sen.
MARINETTA:
Subito, volentiera.
SILVESTRA:
Vardè mo; staghio ben?
MARINETTA:
Pulito.
FELICE:
(Marinetta, e vu?) (Piano.)
MARINETTA:
(Andemo de là).
Gh'ho dell'altra cordella, e subito el se fa).
SILVESTRA:
Torneu presto?
MARINETTA:
No vorla? che bisogno ghe xe?
SILVESTRA:
Via, tornè, che anderemo a bever el caffè.
MARINETTA:
Dove?
SILVESTRA:
Al solito logo.
MARINETTA:
Stamattina mi no.
El beveremo a casa.
SILVESTRA:
Basta, ghe penserò.
MARINETTA:
Oh patrona, sior'àmia.
SILVESTRA:
Va via, va via, bandiera.
FELICE:
Siora Silvestra, a bon reverirla stassera.
SILVESTRA:
Oh, alla festa no manco. Gieri col forestier
Ho fatto un ballo solo. Stassera almanco un per.
FELICE:
(La vol che i la minchiona, vardè se la xe matta.
Se pol dar de sta vecchia? e pur se ghe ne catta). (Parte.)
MARINETTA:
(Bisogna che dissimula, e che ghe daga drio,
Perché la fazzo far, co voggio, a modo mio.
Mia àmia, poverazza, debotto no pol pi
Ma del morbin in testa la ghe n'ha più de mi). (Parte.)

SCENA DODICESIMA[canbia]

SILVESTRA:
Sì ben, sì ben, carette, andè dove volè.
Credeu che mi v'aspetta? sè matte, sel credè.
Vago subito subito anca mi a inmascherarme.
Figurève, se a casa vôi star a indormenzarme?
Xe vero che son vecchia, ma in grìngola me sento.
El cuor, co vago a spasso, me bàgola de drento.
Son dretta co fa un fuso no gh'ho certi malanni
No gh'ho gnente d'invidia de una de vint'anni.