La buona madre/Atto terzo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  ATTO SECONDO Edission e fonte ▼

ATTO TERZO[canbia]

SCENA PRIMA[canbia]

Camera in casa di Lodovica.

LODOVICA, DANIELA e NICOLETTO

LOD. Bravo, bravo, sior Nicoletto, avè fatto ben a tornar.
NICOL. E ela gh'ala a caro(249) che sia tornà? (a Daniela)
DAN. No vorlo? Magari stasselo sempre con mi.
LOD. Chi sa? pol esser che un zorno el ghe staga; nevvero, fio mio?
NICOL. Per mi gh'ho bona speranza.
DAN. Se el me volesse ben.
NICOL. No la crede che ghe ne voggia?
DAN. Un pochetto.
NICOL. Oe, un pochetto la dise? (a Lodovica)
LOD. No védistu, fia, se el te vol ben? El xe andà a Rialto el xe andà a far i so servizietti, da ometto, e po subito el xe tornà. Disè, sior Nicoletto, i avèu scossi i bezzi a Rialto?
NICOL. Siora no, no i ho scossi.
LOD. Mo perché no i avèu scossi?
NICOL. Perché quel che li aveva da dar, nol giera gnancora vegnù, e mi m'ho stuffà de aspettar, e son vegnù via.
LOD. Vedèu? avè fatto mal, dovevi aspettarlo.
NICOL. M'ha premesto de vegnir qua. No vedeva l'ora de tornar a véder siora Daniela.
LOD. No seu stà qua tuta stamattina? Che bisogno ghe giera, che lassessi star de far i vostri interessi? Queste le xe putelae(250).
DAN. Poverazzo! Se vede che el me vol ben.
LOD. Oh el ben, el ben... ghe vol altro che ben. Se l'avesse scosso i so bezzi, se el fusse vegnù qua coi sie o settecento ducati in scarsela l'averave parso più bon.
NICOL. Crédela che no gh'abbia bezzi? Se la vedesse quanti che ghe n'ho a casa!
LOD. E adosso no ghe ne portè?
NICOL. No ghe ne porto, perché son troppo ladin(251); gh'ho le man sbuse(252). Co ghe n'ho, no i xe mii. Se i me ne domanda, no me posso tegnir. Averò d'aver o tre o quattro mile ducati de bezzi imprestai.
LOD. Mi ho pensier, sior Nicoletto, che siè una bela panchiana(253).
DAN. Via, no la ghe diga ste cosse.
NICOL. Mi panchiana? Per cossa?
LOD. Perché sta vostra generosità in casa nostra no l'avemo gnancora vista.
NICOL. Cossa vorla che fazza? La diga.
LOD. Oh, mi no vôi gnente, vedè. Né mi, né la mia puta, no semo de quele. Ma co se pratica, co se vol ben, e co se ghe n'ha, e co se gh'ha cuor, se procura de farlo cognosser con civiltà, con bona maniera, e no se vien a far de le spampanae(254): gh'ho questo, e gh'ho st'altro. Se li gh'avè, petèveli.
NICOL. Da una banda la gh'ha rason. Se non ho fatto, farò. (mortificato)
LOD. Ve n'avèu per mal, fio? Ve parlo da mare(255), savè. Perché, vedèu? vorave che Daniela fusse segura, che ghe volè ben.
NICOL. Se no ghe volesse ben, no vegnirave qua.
LOD. Oh sì, sì; ma se va cussì, de le volte, per devertirse.
DAN. Se no fusse segura che el me volesse ben, me vorave andar a negar(256).
NICOL. De diana! ghe ne voggio tanto.
LOD. Ma che intenzion gh'avèu? Spieghève.
NICOL. Cossa vorla che diga? No sala?
DAN. Oe, sta a vu, vedè. Per mi no digo de no seguro.
LOD. Oh, no sta né a vu, né a elo, patrona. Bisogna veder se mi voggio.
NICOL. Mo cossa no vorla?
LOD. Mi no voggio morosetti per casa. Ho fatto la guardia a le mie pute tanto che basta. Ghe n'ho maridà tre, fio caro, e con tuti ho dito cussì. O drento, o fora(257).
DAN. O che el dise dasseno, o che el dise da burla. Se el dise dasseno, tanto fa che se destrighemo.
NICOL. (Cossa che me trema le gambe!)
LOD. Da chi dependèu?
NICOL. Da nissun.
DAN. Ghe comàndela so siora madre?
NICOL. Oh giusto? no son miga un putelo.
DAN. Perché vorlo tirar avanti?
LOD. Perché el te vol poco ben.
DAN. Se nol me vol ben, che el me lassa star. (con passione)
LOD. Co no se vol, e co no se pol, no se vien a metter suso le pute.
NICOL. De diana! non ho miga dito de no volerla.
LOD. Ma no avè gnanca dito de torla.
NICOL. Siora sì, la torò.
DAN. Oh sièstu benedetto! l'ha dito che el me torà.
LOD. Ghe promettèu?
NICOL. Ghe prometto.
DAN. E mi, Nicoletto, ve prometto a vu.
NICOL. E mi a vu.
LOD. Sentì, savè, arecordève ben, che avè promesso a mia fia, che avè promesso a una puta poveretta, sì, ma onorata, che per vu l'ha lassà tre o quattro partii, che se mai ghe manchessi, prima de tuto el cielo ve castigheria, o po ghe xe bona giustizia, e mi, savè, gh'ho de la protezion in sto paese, che ve farave tremar.
DAN. De diana! se el fasse una cossa de sta sorte, ghe vorave cavar el cuor.
NICOL. Cara ela, la me daga da sentar. (a Lodovica)
LOD. Cossa gh'avèu? (gli dà una sedia, e Nicoletto siede)
DAN. Ve vien mal?
NICOL. Siora no. (si asciuga la faccia)
LOD. Seu pentio fursi!
NICOL. Oh cossa che la dise!
DAN. Oe no gh'è più remedio, vedè.
LOD. Quando ghe darèu l'anelo?
NICOL. Un de sti zorni.
DAN. Vardè ben che el sia belo, vedè!
LOD. E destrighève, e menévela a casa.
NICOL. (Oh poveretto mi! cossa dirà mia mare?)
LOD. E arecordève che mia fia no gh'ha gnente, che bisogna che principiè fina da la camisa.
NICOL. Oh siora sì, faremo.
DAN. Vederò se me volè ben.
LOD. Se avè da far de le spese, conseggiève con mi, dème i bezzi a mi, che vederè quanto che ve farò sparagnar.
NICOL. Siora sì, siora sì, la farà ela.
DAN. E vostra siora madre?
NICOL. Oh n'importa.
DAN. Dirala gnente?
NICOL. Cossa volèu che la diga?
LOD. No la ve comanda miga.
NICOL. Oh giusto!
LOD. I ha battù, me par.
DAN. M'ha parso anca mi.
LOD. Va a véder chi xe.
NICOL. Cara vu, vardè chi xe. (con timore)
DAN. Chi gh'avèu paura che sia?
NICOL. No so, mi no gh'ho paura de gnente.
DAN. Se vien qualche intrigabisi(258), lo mando via. (parte)
LOD. Oh in casa mia, fio mio, no ghe vien nissun.
NICOL. Sior Gasparo ghe vienlo più?
LOD. Oh, Daniela l'ha licenzià. Per vu, savè, la l'ha licenzià. E sì, el la voleva a tute le vie(259); e anca con elo la sarave stada da regina. Ma bisogna dir che la sia stada destinada per vu.
NICOL. (Mi no so in che mondo che sia).
DAN. Son qua.
LOD. Chi xe?
DAN. Xe la lavandera.
LOD. Cossa vorla?
DAN. La gh'ha un cesto. La porterà de la roba.
LOD. Mi no gh'ho dà gnente sta settemana. Gh'astu tirà?
DAN. Siora sì.
NICOL. No vorave che la me vedesse.
LOD. Oh, no ve tolè suggizion.
DAN. Oh, gnente a sto mondo.
LOD. Oe, dona Fùrega. (chiamando)
NICOL. Dona Fùrega?
LOD. Sior sì, la cognosseu?
NICOL. La xe la nostra lavandera de casa.
DAN. Vardè, vedè, no la ne l'ha miga mai dito.
NICOL. Me scoverzirala?
DAN. Con chi? De chi gh'aveu paura?
LOD. No s'alo da saver(260)? Vegnì avanti, dona Fùrega.


SCENA SECONDA[canbia]

BARBARA e detti, poi LUNARDO

BARB. Patrone reverite.
NICOL. (Oh poveretto mi!)
LOD. Chi èla? (a Barbara)
DAN. Come xéla vegnua? (a Barbara)
BARB. Cossa fala qua, patron? (a Nicoletto)
NICOL. Gnente. (tremando)
LOD. La me responda a mi. Chi xéla? (a Barbara)
BARB. Co la vol saver chi son, son la madre de sto puto, patrona.
LOD. Oe, la xe to siora madona. (a Daniela)
DAN. Gh'ho ben a caro, dasseno.
BARB. Coss'è sta to siora madona? Me maraveggio che una mare de fioi gh'abbia tanto cuor de sassinar un puto in sta forma.
DAN. Come parlela, patrona?
LOD. No la ne perda el respetto, che semo zente da ben.
BARB. Se fussi zente da ben, no tratteressi cussì.
DAN. Chi l'ha chiamà so fio?
LOD. Chi gh'ha dito, che el vegna a tirar zo la mia creatura?
BARB. Ànemo, sior desgrazià, sior poco de bon, fora subito de sta casa.
NICOL. Siora sì, vegno.
DAN. Siora sì, ghe disè?
LOD. Siora sì, ghe disè?
DAN. Gh'avèu paura a dirghe che m'avè promesso?
LOD. Gh'avèu suggizion de dirghe che la xe la vostra novizza?
BARB. Oh poveretta mi! novizza? promesso? Can desgrazià, sassìne, sassìne. (alle due donne)
LOD. Oe oe.
DAN. Come parlela?
LUN. Zitto, zitto, creature. No ve fe smattar.
DAN. Col bravo la xe vegnua(261)?
LOD. No ti vedi, che nol pol star in pìe?
BARB. Povero desgrazià! povero senza giudizio! Ti ha abù sto cuor de sassinarte ti, e de sassinar la to povera madre? Maridarte? Ti maridarte? e tor una senza gnente a sto mondo? Come farastu a mantegnirla furbazzo? Ti no ti gh'ha intrae, ti no ti gh'ha impiego; fin adesso t'ho mantegnù mi co la mia poca de dota; col mio laorier, con quelo de la to povera sorela; s'avemo contentà de despoggiarse nu per vestirte ti. Ti sa quel che ho fatto per ti. No me vergogno de dirlo; ho domandà, se pol dir, la limosina, per arlevarte con civiltà, per mantegnirte a scuola, perché ti comparissi da quel galantomo che ti xe nato. Oh poveretto ti, sul fior de la to zoventù, sul prencipio de le to speranze, ti te precipiti in sta maniera, ti te scavezzi el colo cussì? Ah creature, compatime. Compatime, creature, e pensèghe ben anca vu. Costù xe un sassin, el m'ha sassinà mi, e el ve sassina anca vu. Vu sposerè un pitocco. Sarè una miserabile. E mi povera vedoa, e mi povera madre, dopo aver tanto strussià e tanto pianto, averò el dolor de véder el mio sangue a penar, e dir: quel pan che m'ho levà da la bocca, ha nutrio un barbaro, un traditor. (tutti piangono, uno alla volta, principiando Nicoletto, poi Daniela, poi Lunardo, poi Lodovica)
NICOL. (Sia maledetto quando che son vegnù qua).
LUN. Co vedo done a pianzer, no me posso tegnir.
BARB. Nicoletto. (tenera sospirando)
NICOL. Siora. (mortificato)
BARB. Vardème.
NICOL. (Dà in un dirotto pianto)
BARB. Ti pianzi ah! ti pianzi. Xéle lagreme da fio, o xéle lagreme de cocodrilo?
NICOL. Sento che me schioppa el cuor.
LOD. Ve schioppa el cuor ah? Sior cabulon, sior busiaro; vegnir qua a metter suso sta povera inocente; e mi bona dona, che non ho mai volesto pettegolezzi per casa, el m'ha inzinganà, no so come che l'abbia fatto, el m'ha inzinganà.
BARB. Cara siora, questo xe un mal che ghe xe remedio. L'alo sposada vostra fia?
LOD. Nol l'ha sposada, ma el gh'ha promesso de sposarla, e l'ha lassà per elo dei altri partii, e tuti lo sa, e se nol la sposa, poveretta ela.
DAN. Se tratta de dir, che una puta de la mia sorte sia menada per lengua, che se diga l'ha fatto l'amor col tal, e el gh'ha anca promesso, e co no l'ha tolta, bisogna che ghe sia de la gran rason.
BARB. Mo no avèu sentìo in che stato che el xe?
DAN. Mi no m'importa gnente. Sotto una scala, pan e aggio, ma lo voggio.
LOD. E se tratta de la nostra reputazion.
LUN. (Poverazza! la me fa compassion).
BARB. Orsù da sto nostro discorso se vede che sè zente desperada. Mio fio nol l'ha tolta, e cospetto de diana! nol la torà.
LOD. Se el gh'averà fià in corpo, bisognerà che el la toga.
BARB. Ànemo, vegnì a casa con mi. (a Nicoletto)
NICOL. Siora sì, vegno.
DAN. Nicoletto, fio mio, ànema mia.
NICOL. Uh! (si pesta la testa)
BARB. Sior aseno, sior bestia. (gli dà un scopelotto)
NICOL. La me daga, la me coppa, che la gh'ha rason.
LOD. Xéla una bela azion d'una mare? (a Barbara)
BARB. Tasè, vedè, tasè, e sto nome de mare respettèlo, e se el vostro cattivo cuor no ve fa destinguer el debito d'una mare, imparèlo da mi. (a Lodovica) (Ànemo, vien via con mi). (a Nicoletto, prendendolo per la mano)
DAN. Ah, no gh'è più remedio.
LOD. In sta maniera no anderè via de sta casa. (a Nicoletto, lo prende per l'altra mano per trattenerlo)
BARB. Vien con mi, e no pensar altro. (lo tira)
LOD. Ve digo che ve fermè. (lo tira)
LUN. Via, madona, lassèlo andar. (a Lodovica)
LOD. No vogio. (lo tira)
BARB. El xe mio fio. (tira)
LOD. L'ha da tor mia fia. (tira)
BARB. El torà el diavolo che ve porta. (dà una spinta a Lodovica, che va addosso a Lunardo, e cadono in terra tutti due, e Daniela si getta sopra la sedia, e Barbara parte correndo, strascinando seco Nicoletto)


SCENA TERZA[canbia]

LUNARDO, LODOVICA e DANIELA

LUN. Oh poveretto mi! agiutème. (in terra)
LOD. Dame man, Daniela.
DAN. Oh cara siora, no gh'ho fià da star in piè.
LOD. Oh povera dona mi! (s'alza)
LUN. Se no me dè man, mi no levo suso.
LOD. Via, storna, vien qua, agiùtelo sto galantomo, che elo te pol far del ben. Se el xe un omo giusto, el farà che Nicoletto te mantegna quel che el t'ha promesso.
DAN. Oh, mi son nata desfortunada. (fra le due donne aiutano Lunardo ad alzarsi)
LUN. El cielo ve renda merito de la carità che m'avè fatto. (va a sedere)
LOD. Dime, cara ti. Senti, xestu mo tanto inamorada de quel puto? (piano a Daniela, tirandola in disparte)
DAN. Mi no ghe digo de esser inamorada, inamorada, ma ghe voggio ben; e po penso che ogni ano passa un ano, e se perdo sta occasion, vàtela a cerca(262) co me marido.
LUN. (Me podeva succeder de pezo?) Se no me passa sto dolor, mi no posso andar via.
LOD. Senti, o bisognerà che el te sposa, o che qualcossa el te daga.
DAN. Ghe vôi far lite. Co nol me tol mi, no vôi che el toga altre seguro.
LOD. (Sentìmo cossa che dise sto galantomo. El me par un omo da ben).
DAN. (El sarà so parente, el ne sarà contrario).
LOD. (Sentìmo, fémoghe de le finezze. Chi sa?) (s'accosta a Lunardo)
DAN. (Oh, la xe molto dura. Esser in sti ani, volerse maridar, e non poder! (da sé, poi s'accosta a Lunardo)
LOD. S'alo fato mal?
LUN. Un pochetto.
DAN. Cossa gh'alo a sta gamba?
LUN. Se m'ha calà una flussion, che xe do o tre ani, ma st'ano la me tormenta de più. Son stà in letto do mesi, che no me podeva voltar. Da do o tre zorni in qua stava meggio; ma adesso, co sta cascada che ho fatto, no so come che la sarà.
LOD. Poverazzo! Xélo so parente sior Nicoletto?
LUN. Siora no. El xe mio fiozzo.
LOD. Cossa dìsela de sto caso?
LUN. Povera puta! dasseno la me fa peccà.
LOD. Cossa ghe par? Xéla una puta da strapazzar in sta forma?
LUN. (Si mette gli occhiali) Volèu che ve la diga, che la xe un tocco che la fa voggia?
DAN. Tuta so bontà, mi no gh'ho sti meriti.
LOD. E mi ho da soffrir, che per causa de un fio baron e de una mare inspiritada(263), sta povera puta m'abbia da andar de mal?
LUN. No, fia, el cielo provederà. Sentève, creature, no stè in pìe; mi no me posso levar.
DAN. Eh n'importa, che el se comoda pur.
LOD. Ghe dol assae?
LUN. Adesso no tanto; ma co son cascà, son squasi andà in accidente(264).
DAN. Vorlo un gotto de acqua?
LOD. No, ghe farave meggio un caffè.
LUN. Me faràvelo ben el caffè?
LOD. Caspita! vorla che lo mandémo a tor?
LUN. La me farave servizio.
LOD. Adesso; chiamerò una putela che ne sta in fazza, e lo manderò a tor.
LUN. Anca per ele, sala.
LOD. Séntistu, Daniela?
LUN. Daniela, mo che bel nome!
DAN. Oh, per mi lo ringrazio. Caffè no ghe ne voggio.
LUN. Cossa voràvela?
DAN. Gnente.
LOD. (Mo che morgnona(265)!)
LUN. Cara ela, qualcossa. (a Daniela)
LOD. Eh sì, sì, anca per ela. Con grazia. (parte)


SCENA QUARTA[canbia]

LUNARDO e DANIELA

DAN. (Quela mia madre per un caffè no so cossa che la farave).
LUN. Mo perché non se séntela?
DAN. Perché vôi vegnir granda.
LUN. Ih ih, un pochetto de più, de diana! No gh'arrivo gnanca a vardarla. (si mette gli occhiali) Cara ela, la me daga man.
DAN. Volentiera. (l'aiuta)
LUN. Mo la gh'ha una gran bela man!
DAN. Oh cossa che el dise!


SCENA QUINTA[canbia]

LODOVICA e detti.

LOD. Ho mandà. Brava, me consolo! Ti t'ha po sentà.
DAN. Che la se senta anca ela.
LUN. Oh, se l'ha da far qualcossa, n'importa.
LOD. Me senterò fina che i porta el caffè. (siede) Me despiase che l'è vegnù in t'una zornada cattiva, che semo cussì tavanae(266); da resto ghe faressimo un poco più de accetto(267).
DAN. Se el savesse! son cussì mortificada, che no ghe posso fenir de dir.
LUN. Sentì, fia, da una banda ve compatisso; ma da l'altra sappiè che quelo no giera negozio per vu. Cossa volèu che fazia un povero puto, che no gh'ha gnente a sto mondo?
LOD. Se l'avesse sentìo quante spampanae che l'ha fatto!
DAN. El n'ha dito cossazze, el n'ha dito.
LUN. La zoventù del tempo d'adesso no gh'ha altro che chiaccole. Oh mi, fia, se m'avessi cognossù in ti mi boni tempi!
LOD. Xélo maridà?
LUN. Siora no.
LOD. Dasseno, nol xe maridà?
LUN. Co ghe digo de no.
DAN. Perché no s'alo mai maridà?
LUN. Ve dirò, fia; fin che giera san, no gh'aveva bisogno de maridarme. Adesso che son cussì, nissuna me vol.
LOD. Oe, Daniela; nissuna lo vol.
DAN. Oh, se dise cussì per modo de dir.
LUN. Chi vorla che me toga in sto stato che son?
LOD. Gh'alo altro che la flussion?
LUN. Per grazia del cielo, mi no gh'ho altro.
LOD. Chi gh'alo in casa, che lo governa?
LUN. Oh se la savesse! no gh'ho nissun dal cuor. Son in man de una serva e de un servitor, che me fa desperar.
LOD. Séntistu, Daniela? El gh'ha serva e servitor.
DAN. No se vede che el xe un signor de proposito?
LOD. Poverazzo! el gh'averave bisogno de una che lo governasse!
LUN. (Che boccon de galiotta che xe sta vecchia!)
LOD. Oh, xe qua el caffè. Vegnì avanti...
LUN. No, no, la vaga ela a torlo, no se femo véder da costori.
LOD. Sì, sì, la dise ben. (Oh, el xe un omo de garbo!) (va, e torna col caffè)
LUN. Bisogna aver riguardo per amor de la zente. (a Daniela)
DAN. Oh, el dise ben.
LOD. Vorlo troppo zucchero? (vuotando il bisogno)
LUN. Le se serva ele.
LOD. Sior no, prima elo. Fa ti, Daniela, che ti sa far pulito. Oh se el savesse che donetta de casa che xe quela puta!
DAN. Va ben cussì? (gli mostra il zucchero)
LUN. Siora sì, pulito. (si versano le tre chicchere, e frattanto si parla)
LOD. El diga, cossa gh'alo nome?
LUN. Lunardo. Lunardo Cubàtoli, per servirla. Omo cognito in sto paese, che vive d'intrada, e che per grazia del cielo, xe tegnù in concetto de un omo da ben, che no fa mal a nissun, che fa del ben a tuti, se el pol.
DAN. Alo mai fatto l'amor?
LUN. In publico mai.
LOD. E in secreto?
LUN. Co ho podesto.
LOD. Mo che omo bon! mo che omo gustoso!
DAN. Che el diga, caro elo, per cossa xelo vegnù qua ancuo?
LUN. Mia comare m'ha strassinà ela per forza.
LOD. Per amor de so fio, nevvero?
LUN. Per amor de so fio.
DAN. Ma, el me l'ha fatta!
LOD. Oh via, no parlemo altro. Quelo ti te l'ha da desmentegar. Nol giera per ti. El cielo el fa tuto per el meggio. Se ti averà d'aver fortuna, ti la gh'averà. Védistu? De sta sorte de omeni ghe voria per ti.
DAN. Oh, mi no son degna de tanto!
LUN. (La gh'ha un certo patetico sta puta, che me pol assae!)
LOD. Che porta via le chicchere?
LUN. Siora sì, quel che la vol.
LOD. Che licenzia el puto?
LUN. La lo licenzia pur.
LOD. (La sarave bela, che l'avesse da pagar mi el caffè!)
LUN. Dasseno, siora Daniela...
LOD. Gh'alo monea elo?
LUN. Oh in verità dasseno, che me desmentegava. Giera tanto incantà in sta puta, che me andava de mente.
LOD. No gh'è altro. Mi no so cossa che la gh'abbia. Tuti chi la vede, s'incanta.
LUN. La toga, xélo un da quindese?
LOD. Sior sì. (Astu visto quanti bezzi che el gh'ha? altro che quel cagariola(268)!) (piano a Daniela, e va a portar le chicchere)
DAN. (Oh, se el me volesse, no m'importeria de la doggia).
LUN. (Voggio far una prova. Voggio véder de che taggia che xe sta zente).
LOD. Son qua con ela. (a Lunardo, ritornando)
LUN. Siora... coss'è el so nome?
LOD. Lodovica, per servirla. (siede)
LUN. Siora Lodovica, vedo che tanto ela, quanto sta puta, le gh'ha de la bontà per mi; vorave farghe una proposizion.
LOD. La diga. Son dona, sala, che si ben che la me vede cussì... basta, no fazzo per dir...
LUN. Mi, come che diseva, son solo in casa...
LOD. Ascolta anca ti, Daniela.
DAN. Oh ascolto.
LUN. No gh'ho nissun da poderme fidar, e in sto stato che son, gh'ho bisogno de esser assistio, de esser governà.
LOD. De diana! mia fia xe un oracolo. Lo faravistu volentiera, Daniela?
DAN. No vorla? eccóme!
LUN. E anca vu poderessi dar una man. (a Lodovica)
LOD. Mi? Védelo mi? Cussì vecchia come che son, no gh'averia travaggio(269) de torme l'insulto(270) de governar una casa.
LUN. Ben donca, se le vol vegnir a star con mi tute do, no ghe mancherà el so bisogno; ghe darò el manizo de la casa; ghe passerò un tanto a l'ano per vestirse, e po le gh'averà tuto quelo che le vorà.
LOD. Sior sì, no la me despiase.
LUN. Ah cossa diseu, fia? (a Daniela)
DAN. In che figura me voràvelo, sior?
LUN. Da dona de governo.
LOD. Sior sì, dona de governo.
DAN. Me maraveggio, che a una puta la vegna a far sta sorte de esibizion. Son zovene, ma no son tanto alocca come che el crede. Le pute da ben no le va per done de governo con un omo solo, con un omo che fa l'amor in secreto. Xe vero che ghe sarave mia madre, ma mia madre, che la me compatissa, la gh'ha manco giudizio de mi. Patron. (parte)


SCENA SESTA[canbia]

LUNARDO e LODOVICA

LUN. (La m'ha coppà).
LOD. (Frasca!) La burla, salo.
LUN. Siora no, no la burla. La dise dasseno, e dirò dasseno anca mi. Ma vu, siora... agiutème a levar suso.
LOD. Son qua, cossa gh'alo con mi?
LUN. Andémo de là da vostra fia, che ghe vôi parlar.
LOD. Sior sì, andémo.
LUN. (Ho cognossù che la xe una puta che gh'ha giudizio).
LOD. Vegnirémio a star con elo?
LUN. Ela sì, e vu no. (parte zoppicando)
LOD. Oh slancadon(271) del diavolo! voggio magnar anca mi. (parte)


SCENA SETTIMA[canbia]

Camera in casa di Barbara.

GIACOMINA e MARGARITA

GIAC. Cara vu, no me stordì altro de sto mio fradelo. Me despiase de siora madre, che no la vedo gnancora a tornar.
MARG. Xe lontan, sala, dove che la xe andada.
GIAC. Xe anca un bel pezzo che la xe via.
MARG. La xe andada in cale de l'Oca.
GIAC. Mi no so dove che la sia.
MARG. E po! chi sa cossa che xe nato!
GIAC. Mo via, no me fe star zo el cuor(272).
MARG. Se la savesse che done che le xe!
GIAC. Mo se no lo vôi saver.
MARG. La gh'averave una gran bela cugnada! (con disprezzo)
GIAC. Spero che no la gh'averò.
MARG. Porlo far pezo quel puto per precipitarse?
GIAC. Siora madre ghe remedierà.
MARG. La ghe crede troppo a so fio.
GIAC. Nol ghe n'ha mai fatto(273).
MARG. La ghe vol troppo ben.
GIAC. El xe so fio.
MARG. El xe un baroncèlo.
GIAC. Sentì, savè, no strapazzè mio fradelo, che ghel dirò a siora madre, e ve farò mandar via.
MARG. Za, subito se parla de mandar via. Ogni mendeché(274), ve manderò via. Anderoggio su la strada per questo? Me mancherà a mi de andar a servir? Per cossa ghe staghio qua? Perché gh'ho chiapà amor. Ma no fazzo gnente, no son reconossua per gnente. Tuti me cria, tuti me strapazza, anca quel frasca m'ha dito, sièstu malede...
GIAC. El v'ha dito?
MARG. Siora sì che el me l'ha dito. Ma no me fa caso de elo, me dago de maraveggia de ela, che la sa che ghe voggio tanto ben, che no so cossa che no faria, e perché ho dito cussì, subito la me salta, e la me dise che la me farà mandar via. (piangendo)
GIAC. No, Margarita, no, fia, ho dito cussì in colera. (piangendo)
MARG. Oh za, lo vedo che no la me vol più ben. (come sopra)
GIAC. Mo via po, no me fe pianzer. (come sopra)
MARG. Oh, no son più la so cara, no. (come sopra)
GIAC. Siora sì, che lo sè. Vegnì qua. (si baciano, e si asciugan gli occhi)
MARG. I batte.
GIAC. Oh magari che fusse siora madre!
MARG. Figurarse se la xe siora madre! Ghe ne vol avanti che la vegna! Chi sa che diavolezzi che xe successo! Chi sa che no le abbia fatto baruffa! Me aspetto de sentir qualche gran precipizio. (parla camminando, e facendosi sentire a Giacomina, poi parte)


SCENA OTTAVA[canbia]

GIACOMINA, MARGARITA, poi AGNESE

GIAC. Mo la xe una gran puta! la vol dir certo, vedè, la vol dir certo. Conosso ben anca mi che la parla per amor, e che la passion la fa dir, ma no la gh'ha riguardo de darme travaggio a mi.
MARG. Xe sior'Agnese.
GIAC. Anca ancuo la vien?
MARG. Bisogna che la gh'abbia qualche gran premura.
GIAC. Me despiase che no ghe xe siora madre.
MARG. E chi sa quando che la vien?
GIAC. No ghe disè gnente, vedè, a sior'Agnese.
MARG. Oh no parlo.
AGN. Patrona, siora Giacomina.
GIAC. Patrona
AGN. Dove xe siora Barbara?
MARG. No la ghe xe, la veda.
AGN. Dove xéla andada?
GIAC. La xe andada in t'un servizio poco lontan.
AGN. Tornerala presto?
GIAC. Mi crederave de sì.
MARG. Figurarse, no l'ha gnancora disnà.
GIAC. (Che bisogno mo ghe giera, che la ghe disesse che no avemo disnà?)
AGN. Gnancora no le ha disnà? Bisogna ben che la gh'abbia de le cosse de premura.
MARG. Oh se le xe de premura!
GIAC. (Tossisce per farsi sentire a Margarita)
MARG. (Tossendo risponde a Giacomina)
AGN. Sior Nicoletto ghe xélo? (a Giacomina)
MARG. Siora no. (risponde subito ad Agnese)
AGN. Dove xélo? (a Margarita)
GIAC. Con so siora madre. (risponde presto ad Agnese)
AGN. Oh bela! co parlo a una, me responde quel'altra.
GIAC. Cara vu, feme un servizio, andème a dar do ponti in te la mia traversa. (a Margarita)
MARG. (Ho capio, la vol che vaga via, acciò che no parla. Xe meggio che vaga, perché se stago qua, no taso seguro). (parte)


SCENA NONA[canbia]

GIACOMINA e AGNESE

AGN. Vorave ben, che i vegnisse a casa.
GIAC. Gh'ala qualcossa da dirghe a siora madre?
AGN. Siora sì.
GIAC. E mi no posso saver?
AGN. Oh, la saverà anca ela. Tanto fa che me cava zoso. (si leva il zendale)
GIAC. Sì, sì, la se cava. (l'aiuta)
AGN. Siora Giacomina, ho speranza che l'abbiémo fatta novizza.
GIAC. Mi?
AGN. Giusto ela.
GIAC. Oh via.
AGN. Sì anca dasseno.
GIAC. Con chi, cara ela?
AGN. Co sior Rocco.
GIAC. Co sior Rocco?
AGN. Sarala contenta?
GIAC. Co xe contenta siora madre, e che sia segura d'aver da star ben, mi sarò contentissima.
AGN. Mo la vaga là, che la gh'ha massime veramente da fia d'una mare de quela sorte.
GIAC. (Oh almanco che la vegnisse!)
AGN. E sior Nicoletto xe via con ela donca?
GIAC. Siora sì.
AGN. Poverazzo! el xe el gran bon puto! Ho amirà una cossa in elo; col m'ha compagnà a casa, el m'ha compagnà fina a la porta, e da paura che so siora madre ghe cria, l'è corso via, che no l'ha gnanca aspettà che i me averza.
GIAC. (Prego el cielo che no se scoverza).
AGN. Xélo vegnu a casa subito?
GIAC. Mi no so, la veda, ché mi laorava. (Patisso a dir busie, propriamente patisso).


SCENA DECIMA[canbia]

MARGARITA e dette.

MARG. Xe qua siora madre. (a Giacomina)
GIAC. Sì? oh che a caro che gh'ho!
AGN. E sior Nicoletto?
MARG. Anca elo. Sbasìo(275), fio mio, se vedessi.
AGN. Perché no l'ha disnà, poverazzo.
MARG. Eh siora sì, perché no l'ha disnà. (con ironia)
GIAC. Mo via, andeghe incontra. Vardè se la vol gnente.
MARG. Siora sì, vago, vago, no la gh'abbia paura. (parte)


SCENA UNDICESIMA[canbia]

AGNESE, GIACOMINA, poi BARBARA

GIAC. (Mo una gran chiaccolona!)
AGN. La resterà, co la me vede!
GIAC. Certo.
AGN. E sior Nicoletto?
GIAC. Anca elo.
BARB. Oh qua, sior'Agnese?
AGN. Son qua mi a darghe incomodo.
GIAC. Patrona, siora madre. (le bacia la mano)
BARB. Bondì, fia. (le cade qualche lagrima, e si asciuga)
AGN. Cossa gh'ala, siora Barbara?
BARB. Gnente, fia, el vento per strada, che dà in ti occhi.
AGN. Dove xe sior Nicoletto?
BARB. El xe de là, che el se despoggia. (afflitta)
AGN. La me lo dise in t'una certa maniera.
BARB. No ho disnà, sala, no gh'ho fià da star in pìe.
AGN. Per interessi nevvero?
BARB. Siora sì, per interessi.
AGN. Mi no voggio tegnirla incomoda, che la vorà andar a tola, e la gh'ha rason. Ghe digo do parole, e po vago via.
BARB. Andè de là, Giacomina.
AGN. Eh no, che la resta pur, che za gh'ho dito qualcossa.
BARB. No, no, andè pur de là, fia.
GIAC. Siora sì, subito. (parte)


SCENA DODICESIMA[canbia]

AGNESE e BARBARA

AGN. Siora Barbara, ho parlà co sior Rocco, e cussì burlando, ho speranza che femo dasseno. Mi so de seguro, che quel omo sta ben assae.
BARB. Cara ela...
AGN. La me lassa dir. L'ha eredità quel negozio da un so barba, che gh'averà lassà sie grossi mile ducati; e lu a st'ora el l'ha aumentà. Sala cossa che vol dir aumentà?
BARB. Capisso, ma la me creda...
AGN. La me lassa fenir. El l'ha aumentà de altretanti, e fursi, fursi de più. Onde mi ghe digo, che la puta starave ben...
BARB. Sior'Agnese...
AGN. La senta. Se pol darghe manco de mile ducati de contai, e quattrocento de strazze? Dei do mile ghe ne resta siecento per ela.
BARB. Ala fenio?
AGN. So cossa che la me vol dir. La me vol dir, che se el puto no xe logà, no se pol saver, no se pol disponer. Cara siora Barbara, altre do parole sole, e ho fenio. La vegna qua, la me daga un baso. La sa quanto amor che gh'ho per ela. So come che l'ha arlevà i so fioi; quel puto, so che puto che el xe. Son qua, ghe averzo el cuor; el me piase, ghe voggio ben, e se la xe contenta...
BARB. Oh sior'Agnese, sior'Agnese! Tegnìme che casco, che no posso più.
AGN. Mo via, cara siora, star fina ste ore senza magnar, bisogna andar in debolezza per forza.
BARB. No, fia, no la xe debolezza. La xe doggia de cuor.
AGN. Coss'è stà? Cossa ghe xe successo?
BARB. La lassa che me quieta un pochetto, e ghe parlerò.
AGN. Vorla un poco de spirito de melissa?
BARB. Siora sì, lo beverò volentiera.
AGN. La toga. El xe de quelo del Ponte del Lovo(276). La sa, che là no se vende altro che roba bona. (le dà la boccietta)
BARB. (Beve lo spirito) La toga. Grazie. (le rende la boccietta) Sior'Agnese, cognosso veramente che la me xe amiga, e gh'ho tante obligazion con ela, che no le pagherò mai fin che vivo.
AGN. Eh via, cara ela, cossa dìsela?
BARB. E mi, che son una dona d'onor, no m'ho da abusar de la so amicizia, ma gh'ho debito de parlarghe con quela sincerità, con quela schiettezza che se convien. Ela se esibisse de sposar mio fio, e questa doverave esser per mi la consolazion più granda che podesse aver a sto mondo. Mazor fortuna no poderave desiderar a mio fio. La xe quela cossa che drento de mi ho tanto desiderà, che anca con qualche stratagema ho procurà mi de sveggiar, e el cielo fursi me vol castigar per el troppo amor per mio fio, e per qualche artifizio che in sto proposito posso aver praticà. Qua bisogna che ghe confessa la verità; no la voggio tradir, no la posso adular. Mio fio che xe stà sempre obbediente a so madre, tanto lontan da le pratiche, tanto fora de le occasion, el xe stà sassinà, el xe stà menà in casa de una puta; i l'ha incinganà, i me l'ha tirà zo, el gh'aveva anca promesso, e son andada mi a trovarlo sul fato, a pericolo de precipitar; e me l'ho chiapà, e me l'ho menà via, e gh'ho crià, e gh'ho dà, e gh'ho fato de tuto e l'ha pianto con tanto de lagreme. El se m'ha buttà tanto in zenocchion el m'ha tanto domandà perdonanza, el m'ha tanto dito: no farò più; l'ha fina zurà, e no so se sia l'amor che me orba, o la pratica che gh'ho de quel puto, me par certo certo de esser segura. Ma gnanca per questo no ghe dirò a sior'Agnese: la'l toga. Son segura che mal con quela puta no ghe ne xe stà. Son segura che nol la varderà più, che el se la desmentegherà affato. Ma sior'Agnese l'ha da saver. Mi ghe l'ho da dir, che no vôi che un zorno la me possa rimproverar: lo savevi, e me l'avè sconto. Pazienza sarà quel che el cielo vorà. Se ho da penar, penerò, patirò mi, patirà mia fia, patiremo tuti, e quel povero desgrazià per un cattivo compagno, per un falo de zoventù, el perderà la so sorte, e el sarà un miserabile in vita sóa. (si asciuga gli occhi)
AGN. (Dopo aver taciuto un poco, asciugandosi gli occhi) Mo no dìsela che el xe tanto pentio?
BARB. Se el xe pentio? Se la'l vedesse, in verità dasseno el fa compassion.
AGN. Ghe dirò siora Barbara: prima de tuto la ringrazio del bon amor che la me mostra, e de la confidenza che la m'ha fatto, e in questo una dona de la so sorte no podeva far differentemente. Ghe dirò po una cossa: anca mi son vedoa, e so cossa che xe mondo, e i zoveni al tempo d'ancuo ghe ne xe pochi che no fazza qualche putelada, e se sol dir per proverbio: chi no le fa da zoveni, le fa da vecchi. Finalmente un fior no fa primavera. Se la me segura che co sta puta no ghe xe stà mal, che sior Nicoletto l'abbia veramente lassada, e che el sia veramente pentio, la ghe perdona ela, che ghe perdono anca mi.
BARB. Ah sior'Agnese, questa xe la maniera de dar la vita a una povera madre, e de redimer una fameggia che giera affato precipitada. Mi no so cossa dir, el ben che la me fa a mi, la staga segura che el cielo ghe lo darà a ela moltiplicà.
AGN. La lo chiama sior Nicoletto.
BARB. Oh cara ela, el xe tanto intimorio, che se mi lo chiamo, e se el vien, e che ghe sia mi, nol farà altro che pianzer, e no ghe caveremo una parola de bocca. Piuttosto anderò de là, e ghe lo manderò qua da ela. La senta, la lo fazza parlar; la varda se ghe par de poderghe creder, e mi la lasso giudice ela se el merita, o no, la so bona grazia. Posso dirghe più de cussì?
AGN. Ben, la lo fazza vegnir.
BARB. La senta, un'altra cossa bisogna che ghe diga, acciò che no la ghe ariva nova. Come che ghe diseva, sto frasconazzo, senza pensar, senza saver gnanca cossa che sia, el gh'ha dito a quela puta: ve torò. E quele done le dise che el gh'ha promesso. Ma la vede ben, che promission che xe queste. No ghe xe carta, no ghe xe testimoni, no ghe xe, se la m'intende.
AGN. Xe vero, ma le ne farà bacilar(277).
BARB. Eh, in quanto a questo, le xe de quele che co se ghe fa dir le parole, le se giusta presto.
AGN. Basta, ghe vorà pazenzia, e aspettar.
BARB. Volévela destrigarse presto?
AGN. Fursi sì anca.
BARB. Oh sièla benedetta!


SCENA TREDICESIMA[canbia]

MARGARITA e dette.

MARG. Xe sior Rocco marzer.
AGN. Oh, adesso mo el ne vien a intrigar. La fazza cussì, siora Barbara. La vaga de là ela co sior Rocco. La senta quel che el ghe dise, perché el m'ha dito de domandàrghela(278). La se regola ela, e la fazza quel che ghe par.
BARB. Siora sì, la dise pulito. Adesso ghe mando mio fio. Cara ela, ghe lo raccomando.
AGN. Eh no la se indubita, che el xe ben raccomandà.
BARB. Sì, sì, me fido. (De diana! la ghe xe incocalia(279). Ma la xe una gran providenza!) (parte)


SCENA QUATTORDICESIMA[canbia]

AGNESE e MARGARITA

MARG. Ala savesto?
AGN. Ho savesto.
MARG. Cossa dìsela?
AGN. Cossa volèu che diga?
MARG. Chi se l'averave mai figurà?
AGN. A sto mondo no bisogna farse maraveggia de gnente.
MARG. Cossa dìsela de sta bagattela? (mostra il coltello che avera Nicoletto)
AGN. Coss'è quel cortelo?
MARG. So siora madre ghe l'ha tolto fora de scarsela.
AGN. A Nicoletto?
MARG. A sior Nicoletto. Oe, velo qua, velo qua; vago via. (parte)


SCENA QUINDICESIMA[canbia]

AGNESE, poi NICOLETTO

AGN. No so quala far, ghe ne sento tante. Xe che ghe voggio ben e xe un pezzo che ghe voggio ben. Ma no vorave averme da pentir. Sentiremo cossa che el sa dir.
NICOL. Sior'Agnese, patrona. (mortificato)
AGN. Patron.
NICOL. Cossa comàndela?
AGN. Reverirla. (sostenuta)
NICOL. Oh no, no reverirme, piuttosto criarme.
AGN. Perché criarve? se sè tanto bon. (con ironia)
NICOL. Sì, sì, bon! cara ela, no la me fazza pianzer, che ho tanto pianto, che debotto no ghe vedo più.
AGN. Ma, seu mo veramente pentio?
NICOL. De diana! co m'arecordo mia siora madre, che xe vegnua a trovarme là in quela casa, me vien i suori fredi.
AGN. Ve despiase de lassar quela puta?
NICOL. Mi no, la veda; co penso a la minchioneria che voleva far, me par de esser un prencipe.
AGN. Ma ghe volevi ben però.
NICOL. Oh ben! gh'aveva gusto de devertirme. Andava là qualche oretta. Ghe contava de le faloppe.
AGN. Ma perché prometterghe?
NICOL. No so gnanca mi.
AGN. Vardè, un puto de la vostra sorte, andarve a perder cussì miseramente. Se ve volè maridar, no podèu farlo con vostro decoro, e con sodisfazion de vostra siora madre?
NICOL. Oh, che no i me parla più de maridarme, che no me marido gnanca se i me liga co le caene.
AGN. No ve volè più maridar?
NICOL. Siora no.
AGN. Anca sì che lo fe per mantegnir la fede a quel'altra?
NICOL. De dia! se la vedo, scampo tre mia lontan.
AGN. Perché gh'avèu chiapà tanto odio?
NICOL. Se l'avesse sentìo cossa che m'ha dito mia madre.
AGN. (Vardè cossa che fa una correzion a tempo). Donca no ve volè più maridar?
NICOL. Siora no, ghe digo.
AGN. Mo per cossa?
NICOL. Perché m'arecordo che m'ha dito siora madre, che son un povero puto, che no gh'ho gnente a sto mondo, che no me posso mantegnir mi; la varda po se poderò mantegnir la muggier.
AGN. E se trovessi una muggier che ve mantegnisse vu?
NICOL. Ghe ne xe de le muggier che mantien i marii?
AGN. Ghe ne xe; ma ghe ne xe de più sorte. Disè, no la v'ha dito gnente vostra siora madre?
NICOL. De cossa?
AGN. Che la ve vol maridar.
NICOL. Eh cara ela, no la me fazza andar in colera, che son tavanà(280) che basta.
AGN. De mi no la v'ha dito gnente?
NICOL. De ela? gnente.
AGN. (Che ghe l'abbia da dir mi, no la va miga ben)
NICOL. Mi ghe ne dirò ben una granda.
AGN. Via mo.
NICOL. Che non avemo gnancora disnà.
AGN. Volèu vegnir a disnar con mi?
NICOL. Se siora madre se contentasse.
AGN. Ghe vegniressi volentiera con mi?
NICOL. Mi sì, la veda.
AGN. Ghe staressi con mi?
NICOL. Se siora madre volesse...
AGN. Ma no ve volè maridar, nevvero?
NICOL. De diana! gnanca per insonio.
AGN. (Stemo freschi).
NICOL. Mo perché me dìsela sempre de maridarme?
AGN. Perché, se volessi, ghe saria l'occasion.
NICOL. Ma ghe digo, che no ghe ne voggio saver. (Oh, la fa per tirarme zozo).
AGN. (Son mal intrigada, co l'è cussì. Oh ve' qua(281) siora Barbara; co no la ghe mette ela del sóo, no femo gnente).


SCENA SEDICESIMA[canbia]

BARBARA, ROCCO, GIACOMINA e detti; poi MARGARITA

BARB. Semo qua, sior'Agnese.
ROC. Semo qua, la veda. Ai tanti del mese, sior sì e ste cosse, l'avemo fatta. (in aria scherzevole)
AGN. Dasseno? Brava, siora Giacomina, me ne consolo.
GIAC. Grazie.
BARB. E ela, come vala?
AGN. Oh, me par che la vaga mal.
BARB. Come mal?
AGN. La senta. (El dise che assolutamente nol se vol maridar). (piano a Barbara)
BARB. (Bisogna compatirlo. El xe ancora cussì spaventà. El gh'ha paura de mi. Adesso, adesso lo desmissieremo(282)). Nicoletto.
NICOL. Siora.
BARB. Védistu? sior Rocco xe el novizzo de to sorela.
NICOL. Se maridela mia sorela?
BARB. No séntistu cossa che te digo?
NICOL. (Tuti se marida, e mi no i vorà che me marida).
ROC. Sior cugnà, dème un baso.
NICOL. (Caro vu, compatime dei fazzoletti).
ROC. (Eh gnente, adesso se tira tressa(283) a tute le partie).
BARB. Vien qua, Nicoletto.
NICOL. Cossa comàndela?
BARB. E ti, te marideressistu volentiera?
NICOL. Mi siora? mi no, la veda. (con timore)
BARB. Se te la dasse mi la novizza, la toréssistu?
NICOL. Oh giusto ela!
BARB. Se te dasse sior'Agnese?
NICOL. Oh sior'Agnese! (vergognandosi)
AGN. Mi donca no me toressi?
NICOL. Mi sì che la torave (piano ad Agnese)
AGN. Oe, l'ha dito de sì, che el me torave. (a Barbara ridendo)
NICOL. Oh, subito la ghe lo va a dir.
BARB. Via, via, fio mio. A monte tuto quel che xe stà. Sior'Agnese gh'ha de l'amor per mi, e gh'ha de l'amor per ti, e se ti xe contento, mi te la dago, e la sarà ela la to novizza.
NICOL. Oh sièla benedetta! (salta e l'abbraccia)
BARB. Inocenza, sala! tuta inocenza. (ad Agnese)
AGN. Vedèu, che disevi che no ve volevi maridar? (a Nicoletto)
NICOL. No saveva miga gnente mi, no saveva.
AGN. Seu contento?
NICOL. Mi sì, quando?
AGN. Mo! quando che se poderà.
BARB. La lassa far a mi, sior'Agnese, che procurerò...
AGN. E arecordève ben, che corteli no ghe n'avè da portar.
NICOL. Chi gh'ha dito del cortelo?
AGN. Margarita.
NICOL. Che schittona(284)!
BARB. Margarita gh'ha sto vizio; ma ghe lo leverò mi.
MARG. Siora patrona...
BARB. Anca del cortelo ghe sè andada a dir.
MARG. Oh sì, altro che cortelo! Sala chi ha battù? Sala chi ghe xe a la porta?
BARB. Chi?
MARG. Quele done de cale de l'Oca.
NICOL. Oh poveretto mi.
BARB. Tirèghe, tirèghe, lassè pur che le vegna; in casa mia no le farà le matte.
AGN. Ve batte el cuor, fio? (a Nicoletto)
NICOL. Gnanca in te la mente(285).


SCENA ULTIMA[canbia]

LODOVICA, DANIELA, poi LUNARDO e detti.

LOD. Patrona reverita.
BARB. Patrona.
DAN. Serva.
BARB. La reverisso. Cossa comàndele, patrone?
LOD. Semo vegnue a dirghe, sala, che semo persone onorate, che in casa nostra no se fa zoso la zoventù. Che de so fio no savemo cossa farghene, e che mia fia xe novizza.
BARB. Gh'ho ben a caro dasseno.
DAN. Siora sì, son maridada, e acciò che no se diga de mi, perché me preme la mia reputazion, gh'ho menà el mio novizzo.
BARB. Dov'èlo sto novizzo?
LUN. Siora comare, patrona. (zoppicando)
BARB. Xélo elo, sior compare, el novizzo?
LUN. Mo son mi mi.
NICOL. Anca sior sàntolo xe novizzo?
AGN. Co la doggia?
GIAC. Me lasseralo star?
MARG. Me diralo più, che lo vegna a trovar?
LUN. Care creature, compatime. Son anca mi de sto mondo. In tel stato che son, gh'aveva bisogno de governo. El cielo non abbandona nissun.
BARB. Ma in casa mia, sior compare, la me farà grazia de no ghe vegnir.
LUN. Gh'avè rason, fia, gh'avè rason. Ma considerè almanco, che avendo mi sposà sta puta, ho messo in libertà vostro fio.
AGN. Sior sì, xe la verità. Adesso sior Nicoletto me pol sposar.
NICOL. Magari.
BARB. Deve la man, se volè.
AGN. Son qua, fio.
NICOL. Anca mi. (si danno la mano) Son maridà. Son omo, son maridà. (saltando)
ROC. E mi, siora Barbara?
BARB. Sì anca vu.
ROC. Vorla, siora Giacomina?
GIAC. Cossa dìsela, siora madre?
BARB. Sì, fia; deghe la man a sior Rocco.
GIAC. Son qua; volentiera (si danno la mano)
ROC. Volentiera?
GIAC. Sior sì.
ROC. Cara la mia zoggia!
LOD. Oh quante nozze! oh quanti novizzi! me ne vegnirave voggia squasi anca a mi de farme novizza.
LUN. Vu, vedèu! sè una vecchia matta, e in casa mia no ghe stè a vegnir. Ve darò vinti soldi al zorno per carità. Magnéveli dove che volè, ma da mi no ve voggio. Patroni. (parte con Daniela)
LOD. (Oh, con vinti soldi al dì me marido). Patroni. (parte)
AGN. Dasseno dasseno, la xe andada ben, che no la podeva andar meggio.
BARB. Vedèu, fia mia? Co se opera con bona intenzion, el cielo agiuta, e le cosse va ben. Mi ho fatto da Bona mare, vu avè fatto da bona amiga, e semo contenti nu, e sarà contenti i mi cari fioi.


Fine della Commedia.




Note a cura de l'autor

(249) Ha piacere.
(250) Ragazzate.
(251) Troppo facile, generoso.
(252) Ho le mani bucate.
(253) Uno spaccone, bugiardo.
(254) Sparate, grandezze.
(255) Come una madre.
(256) Affogare.
(257) O dentro o fuori.
(258) Qualcheduno a distrubarci.
(259) In ogni modo, assolutamente.
(260) Non si ha da sapere?
(261) È venuta in compagnia di un bravaccio.
(262) Sa il cielo quando mi mariterò.
(263) Pazza furente.
(264) Quasi svenuto.
(265) Senza spirito.
(266) Afflitte, agitate.
(267) Migliore accoglienza.
(268) Quel ragazzaccio.
(269) Difficoltà.
(270) L'assunto.
(271) Stroppiataccio.
(272) Non mi accrescete la pena.
(273) Cioè, non ha mai fatto altre leggerezze.
(274) Ad ogni istante, per ogni picciola ragione.
(275) Pallido, mortificato.
(276) S'intende della bottega accreditata del droghiere Carissimi, dove si vende lo spirito di melissa dei Padri Carmelitani Scalzi di Venezia, che passa per simile a quello des Carmes Déchaussés de Paris.
(277) Ci daranno delle inquietudini.
(278) Di domandarle la figlia per isposa.
(279) Innamorata.
(280) Afflitto.
(281) Oh ecco qui.
(282) Lo sveglieremo.
(283) Si cancellano.
(284) Chiaccherona, che dice tutto.
(285) Non ci penso nemmeno.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_buona_madre/Atto_terzo&oldid=42161"